Romina Carrisi, la figlia di Al Bano è dimagrita per problemi di salute: ecco cos’ha

Romina Carrisi Power, la quartogenita di Al Bano e Romina negli ultimi tempi sfoggia un fisico diverso. I numerosi followers della ragazza lo hanno notato guardando il suo profilo Instangram. La zia del piccolo Kay ha un fisico più asciutto rispetto a qualche anno fa, quando ha deciso di far parte del mondo dello spettacolo.

Ovviamente la domanda sorge spontanea: Romina Junior si è messa a dieta? A quanto pare si, ma non per vanità. L’italo-americana ha scoperto di essere intollerante al nichel ed è stata così costretta a cambiare le sue abitudini alimentari. A rivlearlo è stata la diretta interessata su Instagram, dove ha risposto ad una serie di domande dei numerosi seguaci.

La figlia di Al Bano e Romina parla della sua intolleranza alimentare

“Nel 2016 ho scoperto di essere intollerante al nichel. Il mio regime alimentare si è dimezzato. Per non avere problemi devo mangiare solo riso e zucchine lesse, altrimenti coliche e indigestioni”,

ha svelato la figlia di Al Bano e Romina. Quest’ultima, inoltre, ha affermato che è molto stressante e noioso seguire questo regime alimentare, ma se non lo mette, appena mangia cibo contenente nichel sta male. Poi ha dato un consiglio a tutti coloro che la seguono giornalmente su social network:

“Se anche voi avete sempre problemi intestinali, vi consiglio di fare il test di allergie e intolleranze”.

La nuova vita di Romina Junior in Italia 

A parte l’intolleranza alimentare, la vita della quartogenita di Al Bano e Romina Power prosegue alla grande. Dopo un’adolescenza vissuta dall’altro capo del mondo, ovvero a Los Angeles, nel 2017 ha deciso di trasferirsi definitivamente nella tenuta di Cellino San Marco. Lì lavora nell’azienda vinicola del padre e si occupa dell’export dei vini. Per quanto riguarda l’amore: Romina Junior è fidanzata con un imprenditore.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)