Martina chiede le dimissioni di Salvini: ‘Fa sceneggiate, è incapace di…’

Martina chiede le dimissioni di Salvini: 'Fa sceneggiate, è incapace...'

Nelle ultime ore non si fa che parlare della vicenda della nave Diciotti con a bordo 67 migranti. Una situazione che è stata più volte criticata aspramente dalla sinistra e in particolare dal Partito Democratico di Martina.

E le polemiche sono continuate anche dopo l’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e lo sbarco dei migranti libici sulle nostre coste. Ieri le critiche si sono concentrare in particolar modo sul vice Premier Matteo Salvini che non avrebbe voluto permettere lo sbarco dei migranti, se non in manette. Così il segretario del Pd Maurizio Martina ha chiesto le dimissioni del ministro dell’Interno.

“Di fronte all’incapacità del ministro dell’Interno di assolvere al suo compito, senza ogni volta buttarla in propaganda e provocare, Salvini dovrebbe dimettersi per il bene del Paese”,

ha dichiarato Martina intervenendo in una trasmissione di Radio Capital. Il segretario del Partito Democratico ha accusato il leader del Carroccio di fare delle vere e proprie sceneggiate:

“Se sei impegnato in una vicenda cosi delicata non puoi sempre fare sceneggiate. Come pensa di governare situazioni come queste?”.

Martina accusa Matteo Salvini di fare solo delle sceneggiate 

Inoltre, Martina ha affermato che vorrebbe discutere concretamente di quello che sta succedendo e non della provocazione di giornata di Matteo Salvini. Secondo il ‘rivale’ del vice Premier, la politica italiana sul tema immigrazione non sta portando risultati concreti, neanche in Europa.

Matteo Salvini replica alle provocazioni di Maurizio Martina 

Ovviamente la replica del ministro dell’Interno non si è fatta attendere anche se quest’ultimo sembra preferire non soffermarsi molto sulla vicenda. Così, interpellato dall’Agi (Agenzia Giornalistica Italia), si è limitato a rispondere alla richiesta di dimissioni con un ironico

“Si vede che ha dormito male, poverino”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!