“Sei un cogl**ne…” La replica di Matteo Salvini diventa virale: “Ti darei due sberle…”

Salvini
La risposta di Salvini al post del ragazzo che l'ha insultato

Matteo Salvini non le manda a dire a chi l’offende, se è un personaggio famoso o meno. Come è accaduto nel caso di questo ragazzo che ha offeso il Ministro dell’Interno usando parole poco carine

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini è abituato alle critiche ma non per questo evita di dargli peso. Questa volta è stato un ragazzo qualunque a subire la sua ira dopo alcune offese un po’ pesanti.

Le offese del ragazzo su Instagram

Poteva capitare a qualsiasi hater subire l’ira di Matteo Salvini. Il Ministro dell’Interno ha risposto senza mezzi termini a chi l’ha offesa in modo abbastanza gratuito. Già in passato sui social ha risposto alle provocazioni di Piero Pelù, Alessandro Gassman. Insomma, non le manda a dire Salvini, ci mette sempre la faccia che il suo nemica abbia un nome famoso o meno.

Questa volta l’offesa è partita da un giovane hater che ha scritto in un commento parole poco carine nei confronti del vicepremier Leghista che ha pubblicato la foto di un graffito, comparso sui muri di Torino. Nel graffito, Salvini appare con un cappio al collo e ricorda a tutti pubblicamente sui social di non essere in alcun modo intimidito.

Il commento del ragazzo e la risposta di Salvini

Non è la prima volta che il Ministro dell’interno subisce delle minacce, ma questa volta ha voluto ribadire di non avere paura sui social, in particolare su Facebook, dove la sua community è sempre molto attiva e solidale. Il leader leghista posta la propria risposta al commento offensivo lasciato da un ragazzo (che tagga anche Gemitaiz, con cui Salvini ha polemizzato qualche settimana fa).

Salvini con il suo commento ha ricevuto il boom di like:

“Se mio figlio si rivolgesse così ad un’altra persona, due sberle non gliele toglierebbe nessuno. Cresci bene ragazzo, l’educazione arriverà, spero”.

In molti hanno condiviso l’opinione del vicepremier.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!