Carlo Cracco e lo scontrino esagerato, ecco quanto costa mangiare al ristorante dello chef

Carlo Cracco e lo scontrino esagerato, ecco quanto costa mangiare al ristorante dello chef

Il noto chef pluristellato Carlo Cracco continua a dividere l’opinione pubblica per i prezzi stellari e spropositati che propone nel suo nuovo ristorante a un passo dal Duomo di Milano, precisamente all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II.

Un cliente è andato nel locale di Carlo Cracco è ha pagato 41 euro per tre spremute e due bottigliette d’acqua

In questi giorni, infatti, è iniziato a circolare lo scontrino di un conto salato relativo ad un’ordinazione effettuata al bar del lussuoso locale che sta fomentando i numerosi haters del cuoco stellato ed ex giudice di Masterchef, il programma culinario di Sky Uno.Secondo voi quanto si potrà mai spendere per tre spremute e due bottiglie di acqua liscia da 0,75? Stando alle notizie che circolano sul web, i clienti in questione hanno pagato ben 41 euro in totale, di cui 14 euro soltanto per l’acqua. (Continua dopo la foto)

Scontrino del conto salato nel locale di Carlo Cracco

Ecco il prezzo di una colazione da Carlo Cracco 

Forse conveniva fare direttamente colazione da Cracco: secondo quanto riportato dall’Huffington Post, per la modica cifra di 25 euro, al bar del noto chef Carlo Cracco servono viennoiserie a scelta, pane tostato, già leggermente imburrato, burro e marmellata, spremuta (a scelta tra arancia o pompelmo), caffetteria calda e la tanto discussa bottiglia d’acqua da 75 centilitri.

Il popolo del web si è diviso a metà

L’iniziativa del cliente che ha postato lo scontrino su Facebook ha spaccato il web a metà: una parte si sono schierati con lui mentre altri lo hanno criticato. Il motivo? Evitare le polemiche, ricordandogli che poteva benissimo andare in un altro locale meno caro. E’ ormai noto che il ristorante del popolare chef non ha prezzi accessibili a tutti. Qualche mese fa si era alzata una nuova polemica sulla pizza che Cracco prepara nel suo ristorante milanese.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!