Laura Boldrini umilia Salvini: ‘Non ha più pudore, cinico e disumano e…’

Laura Boldrini umilia Salvini: 'Non ha più pudore, cinico e disumano...'

Dopo una launga pausa di silenzio, l’ex Presidente della Camera dei Daputati Laura Boldrini ha deciso di riaccendere i riflettori su di sé facendo l’ennesima sparata al leader della Lega Nord Matteo Salvini. E la ‘maestrina’ non si è risparmiata di utilizzare dei vocaboli abbastanza forti per il suo rivale politico. Ma andiamo a vedere nello specifico cos’ha detto.

Laura Boldrini contro la politica di Matteo Salvini 

Alcune ore fa, durante il suo intervento all’assemblea di LeU (Liberi e Uguali) nel capoluogo lombardo, Laura Boldrini ha pesantemente attaccato il governo giallo-verde, ovvero quello composto dal carroccio e il Movimento 5 Stelle. Ma naturalmente è inutile sottolineare che il bersaglio principale è stato il neo ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Questo governo dà indirettamente la libertà di sparare al grido “Salvini Salvini”, di pestare un dipendente di colore perché adesso c’è Salvinì; è composto da oltre 60 membri di cui solo 11 sono donne”,

ha affermato la parlamentare. Inoltre, quest’ultima ha affermato che stiamo andando indietro di decenni e che siamo diventati i ‘Sauditi d’Europa’. Secondo la Boldrini, quato esecutivo non ha più pudore, né remore, né tabù.

“C’è una vera e propria caccia al migrante che rimette in discussione il principio più antico del soccorso in mare. Questo governo vuole mirare a scoraggiare il soccorso”,

ha concluso l’ex presidente della Camera.

Laura Boldrini e la petizione contro il leader del Carroccio Salvini 

Poi non contenta, per rincarare la dose del suo attacco, Laura Boldrini ha dichiarato di essere d’accordo con la petizione lanciata dal leader di ‘Possibile’, Giuseppe Civati. Un’iniziativa per chiedere una mozione di sfiducia contro il leader della Lega, Matteo Salvini.

“Un’ottima iniziativa di partecipazione per raccogliere voci in disaccordo con le scelte ciniche, razziste, disumane”

ha motivato la funzionaria maceratese. Arriverà la controreplica del diretto interessato? Molto probabilmente lo farà attraverso i suoi profili social.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!