Eventi in Campania: una pizza speciale per i cani

pizza
Secondo una nutrizionista la pizza fa male alla salute

La regione dell’arte culinaria

Una delle regioni italiane più attente alle manifestazioni benefiche è sicuramente la Campania. Nello scorso mese di Giugno, in una pizzeria storica napoletana, è stata organizzata una giornata speciale per soccorrere tutte le persone del Centro Italia colpite dal sisma di due anni fa. Guest Star dell’evento è stata Miss Italia 2017, Alice Rachele Arlanch. Questa è solo una delle grandi manifestazioni organizzate nella terra di Totò e Massimo Troisi. Le province campane Napoli, Caserta, Salerno, Avellino e Benevento sfornano ogni anno grandissimi talenti nell’ambito culinario.

Basti pensare che uno degli chef più amati ed apprezzati in Italia, e non solo, è il partenopeo Antonino Cannavacciuolo, famoso per le sue pacche sulle spalle e per la sua grande bontà d’animo. Quindi non è solo la nouvelle cousine ad essere apprezzata, ma anche e soprattutto la pizza che da qualche anno è entrata di dovere nel ranking del Patrimonio dell’UNESCO.

Talento e passione

Negli ultimi anni, gli eventi di solidarietà si sono verificati soprattutto nel casertano ed è proprio qui che riscontriamo il grande talento di Salvatore Picillo, pizzaiolo apprezzato e grande appassionato di cani. Quest’ultimo, dopo aver terminato gli studi, ha intrapreso questa professione attraverso sacrifici e tanto studio. Si definisce grande estimatore della pizza napoletana, senza poolish e niente biga, ed è per questo che sogna di aprire un ristorante con i suoi amati fratelli.

Obiettivi futuri

Tra i grandi obiettivi di Salvatore vi è anche quello di scrivere un libro di ricette mostrando particolare attenzione anche agli amici a quattro zampe. Infatti lui, oltre a concentrare le sue capacità e la sua determinazione nella resa di un prodotto senza sbavature, si è posto come obiettivo quello di preparare un piatto adatto per i cani. Il suo scopo sarebbe quello di organizzare delle manifestazioni benefiche con altri ristoratori campani.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!