Dopo il gioco d’azzardo, nuova tragedia per Marco Baldini: Vittima degli…

Dopo il gioco d'azzardo, nuova tragedia per Marco Badini. Vittima degli strozzini

Il procuratore capo della Dda di Roma (direzione distrettuale antimafia) durante la conferenza stampa ha dichiarato che il conduttore e presentatore radiofonico Marco Baldini è stato vittima dell’usura e delle estorsioni del clan. La clamorosa rivelazione è avvenuta dopo il blitz che ha portato all’arresto di 37 affiliati al clan Casamonica di Roma.

Marco Baldini e la sua passione per il gioco d’azzardo 

Tantissime volte Marco Baldini ha parlato della sua passione sfrenata per il gioco d’azzardo, arrivando addirittura a commettere dei gesti spropositati. Uno su tutti minacciare il suicidio perché non riusciva a smettere. Un’altra vittima conosciuta è uno dei figli adottivi del famoso regista Franco Zeffirelli.

Baldini vittima di estorsione da parte del clan Casamonica?

Per portare avanti questa delicata indagine è stata chiesta la stretta collaborazione di un altro pentito, ex trafficante e spacciatore della zona di Porta Furba. Quest’ultimo, infatti, si era rifornito di sostanze stupefacenti attraverso il clan per anni. Ma è stata anche molto utile e preziosa la testimonianza di circa venti vittime del sistema di usura ed estorsione del clan, tra cui Marco Baldini, ex spalla dello showman siciliano Rosario Fiorello. La maggior parte di loro, secondo la ricostruzione degli inquirenti, si erano chiusi in un silenzio dovuto al terrore delle ripercussioni del clan.

Arrestati i responsabili di quest’associazione 

Tra i tantissimi reati contestati ai 31 fermati (più ai sei ricercati) c’è l’associazione mafiosa, il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, l’estorsione, usura e la concessione illecita di finanziamenti. Tutti coloro che sono stati condotti in carcere sono ritenuti inoltre responsabili di un’associazione a delinquere di stampo mafioso. Nel frattempo Marco Baldini ha fatto sapere di non aver mai ricevuto minacce ma che era solo un prestito onorato.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!