Home Italia Chef Rubio e il nuovo post contro Matteo Salvini e i migranti morti in mare – FOTO

Chef Rubio e il nuovo post contro Matteo Salvini e i migranti morti in mare – FOTO

0
Chef Rubio e il nuovo post contro Matteo Salvini e i migranti morti in mare – FOTO
Chef Rubio contro Salvini

Chef Rubio non ha potuto fare a meno di commentare la scelta di lasciare in mare la nave carica di migranti che si è avvicinata alle nostre coste e ha provocato decine di morti. La foto di quella donna dagli occhi spaventati ha scatenato la sua reazione

Gabriele Rubini, in arte chef Rubio, ha di nuovo inveito contro il Ministro dell’Interno Matteo Salvini e il suo modo di gestire il flusso di migranti che arrivano dalla Libia. Ecco cosa ha scritto questa volta contro il premier.

Chef Rubio e i post contro Salvini

Anche lo chef Rubio famoso per i suoi assaggi, in giro per l’Italia, di specialità di strada, ha inveito contro Matteo Salvini. I migranti che muoiono in mare sono sempre di numero maggiore e non si possono ignorare. Il noto chef ha detto:

“Mai una parola di cordoglio, mai un clic per l’umanità”.

Non è la prima volta che scrive qualcosa contro il nostro Ministro dell’Interno, ma sicuramente questa volta il commento alle sue scelte politiche “azzardate” è più chiaro e netto.

I due post contro Salvini

Sono ben due i post che lo chef, famoso grazie ai programmi su Real Time. In un primo critica il vicepremier leghista circa le decisioni prese in materia di armi. Poi in un’altra critica i corpi dei due migranti che, secondo la Proactiva Open Arms, la Guardia costiera libica avrebbe lasciato morire. Il famoso Rubio aggiunge anche delle parole piuttosto significative e critiche nei confronti di chi appoggia il Leader del Carroccio.

“Quei polpastrelli battono solo scuse e scaricabarili”

L’attacco arriva su Twitter dopo le critiche mosse dal titolare del Viminale alla ong spagnola, accusata di aver diffuso “bugie e insulti”.

Non piacerà ai sostenitori dello chef leghista leggere di nuovo parole contro Salvini. Rubio ha anche fatto un parallelo con le due foto, scrivendo:

 “Ministro del Far West”

E sulle armi:

“Meno pistole più libri”