Ragazza presa a pugni da un immigrato, Giorgia Meloni con Salvini: “Infame, rispediamolo a calci a casa sua”

Giorgia Meloni pro Salvini: il messaggio contro l'africano aggressore nel napoletano

La Ministra Giorgia Meloni si è abbattuta come una furia sul caso di cronaca che ha interessato una ragazza nel napoletano, presa a pugni da un africano: ecco cosa ha scritto sui social

Un caso di cronaca intollerabile per Giorgia Meloni. L’episodio ha riguardato una ragazza nel napoletano: la vittima è stata presa a pugni da un africano, un immigrato. Ecco cosa ha scritto sui social la Meloni.

Meloni pro Salvini e il messaggio contro i migranti

Non ha mai nascosto Giorgia Meloni di pensarla esattamente come Matteo Salvini in fatto di immigrazione. Anche la Ministra ritiene che questo fenomeno si debba limitare in un modo o nell’altro. Chiaramente, nessuno vorrebbero che i migranti morissero in mare, ma bisognerebbe agire alla base del problema. E’ proprio questo il motivo per cui la Lega propone di andare a fondo e usare il pugno duro contro chi vuole entrare nel nostro paese in modo illegale.

Nelle ultime ore la Meloni si è espressa contro i migranti di nuovo, in relazione ad un evento di cronaca che l’ha scossa particolarmente. Si tratta del caso di una ragazza, nel napoletano, presa a pugni da un africano.

Il post contro l’africano

La ragazza è stata praticamente presa a pugni dall’africano, nonostante fosse solo una ragazzina di appena 15 anni senza alcuna possibilità di difendersi. La leader di Fratelli d’Italia ha voluto dire la sua su Twitter con un messaggio molto profondo ce che in tanti hanno condiviso:

“Ragazza di 15 anni presa a pugni in faccia da un africano mentre passeggiava per strada a Napoli. Se uno Stato esiste ancora, batta un colpo, e rispedisca a calci questo infame a casa sua. Tolleranza zero”.

Parole che ricordano molto quelle del Ministro dell’Interno Matteo Salvini che combatte estenuamene la sua lotta all’immigrazione criminale.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Susy Caruso: