L’ex deputato Grillini: ‘Ho un tumore, col taglio dei vitalizi come farò a curarmi?’

L’ex deputato Grillini: ‘Ho un tumore, col taglio dei vitalizi come farò a curarmi?’

Senza ombra di dubbio la malattia del secolo è il tumore. Una gravissima patologia che può colpire in qualsiasi momento e in ogni parte del corpo. Oltre alle cure che lo Stato sovvenziona attraverso la Mutua, ci sono altre spese extra.

“Con questo taglio non potrò più avere l’assistenza, che fino a oggi mi pagavo io, come tutti i cittadini sia ben chiaro. Ma io ho seguito le leggi e, così come tanti altri, non ho pensato a crearmi delle garanzie alternative”,

ha dichiarato lo storico attivista per i diritti gay ed ex parlamentare, Franco Grillini attraverso una lunga intervista al quotidiano locale ‘Corriere di Bologna’.

Franco Grillini colpito da un cancro è contro il taglio dei vitalizi 

Franco Grillini ha rivelato, inoltre, che farà ricorso contro il taglio dei vitalizi messo in atto dal Governo giallo-verde. L’ex parlamentare è stato colpito da un mieloma multiplo (tumore del sangue), e per lui è previsto una decurtazione di vitalizio pari al 47 per cento. Dagli attuali 5 mila euro lordi passerà a 2 mila e 500 euro.

“Passerò il tempo che mi resta a fare ricorsi, che potranno durare anche dieci anni. Chissà se ci arriverò”,

ha ribadito Grillini. Quest’ultimo, inoltre, ha spiegato che una situazione del genere può essere risolta dalla biologia facendo morire in pace tanti parlamentari che ormai hanno dai 70 ai 90 anni.

Pierferdinando Casini prende le difese di Grillini 

“Franco Grillini è stato un esempio di impegno e di dedizioneper le cause in cui ha creduto. A volte l’ho aspramente combattuto con le armi della politica. In casi come questo, mettono a repentaglio il bisogno di cure di un ex parlamentare affetto da un tumore”,

ha dichiarato l’ex Presidente della Camera dei Deputati Pier Ferdinando Casini. Quest’ultimo ha anche affermato che chiederà alla presidenza della Camera di esaminare la situazione dell’attivista dei diritti gay.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!