“Una che va con un negro mi fa schifo…”: le frasi choc di Berlusconi contro la Fico e Balotelli – VIDEO

Berlusconi
Barlosconi e le frasi razziste contro Balotelli e la Fico

Il video delle olgettine che incastrerebbe Silvio Berlusconi è pieno di frasi improponibili e per definire un’eufemismo, poco eleganti. Questa volta è la frase contro il calciatore Mario Balotelli a generare più indignazione

Non ne esce benissimo Silvio Berlusconi dal video delle olgettine reso noto poche ore fa dall’Ansa. La clip, filmata di nascosto da Marysthell Polanco sta facendo il giro del web creando indignazione.

Berlusconi, le olgettine e i filmati di nascosto

Le ragazze erano più furbe di quanto pensasse Silvio Berlusconi. Ed è per questo che alcune di loro han pensato bene di filmare il loro papi mentre riferiva loro alcune intenzioni e certi pensieri. Alla frase di Berlusconi, la risposta alla replica di Marystell è ancora più imbarazzante e sconcertante. La ragazza, infatti, di colore, sottolinea il fatto di essere per l’appunto “nera”. Ma l’ex premier replica:

“Ma no, tu sei abbronzata”

Le parole esatte del premier sono state queste:

“A me una che va con un negro mi fa schifo”.

Il cavaliere fa riferimento, ovviamente, a Mario Balotelli e Raffaella Fico, al tempo coppia nella vita. Il video risale a metà 2011, girato di nascosto da Marysthell Polanco, e depositato agli atti del processo Ruby ter. Il contenuto delle affermazioni è chiaramente e inequivocabilmente di tono razzista.

Le frasi e la polemica sul web

Siamo nel 2018 e frasi come queste risultano in primis di cattivo gusto e in secondo altamente offensive verso le persone di colore. Il sito giustiziami.it ha reso note le frasi a sfondo razzista:

“Riteniamo sia doveroso darne conto considerato il ruolo pubblico che Berlusconi ancora ha, in un momento in cui il tema del razzismo è di lampante attualità”.

Nella prima parte del video, la ragazza chiede a Berlusconi di farla lavorare, ma lui spiega:

“Sono stato distrutto, ormai sono quello del Bunga-Bunga”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!