“Fa sempre ridere, come una scoreggia…”: J-Ax umilia Matteo Salvini

Salvini
J-Ax contro Matteo Salvini

Non è mai stato dosato nelle parole il rapper italiano J-Ax. Contro Matteo Salvini ha sempre mosso delle critiche anche negli anni in cui il Ministro era un semplice politico

Una frase ironica come quella contro Matteo Salvini che J-Ax pronunciò durante un’intervista, non si dimentica. Il rapper sa sempre come fare satira senza essere mai eccessivo anche se quella volta la battutina fece storcere il naso ai fedelissimi di Salvini.

J-Ax e le frasi contro Salvini

Nel corso degli anni, prima che Matteo Salvini ricoprisse la carica di Ministro dell’Interno, J-Ax ha più volte mosso critiche e fatto battutacce sul vicepremier leghisti. E’ chiaro da tempo ormai che il rapper non è dalla parte del nuovo Governo. Basta leggere i testi delle sue canzoni più impegnate per accorgersene.

Anche durante l’anno in cui fecce il “coach” di alcuni alunni di Amici non mancarono frecciatine alle cose che diceva Salvini per pubblicizzare il programma del suo partito. Uno degli insulti più celebri che il cantante rivolse al neo Ministro fu proprio questo:

“Fa sempre ridere, come una scoreggia”

Al tempo il cantante non immaginava che qualche anno dopo Salvini sarebbe diventato Ministro dell’interno.

Gli attacchi al Ministro

Il mondo della musica, ultimamente sta prendendo una posizione favorevole o contraria alla politica del nuovo Governo e in particolar modo delle decisioni in fatto di immigrazione. Sono molti i nomi che c’hanno messo la faccia contro il Ministro dell’Interno, come Fiorella Mannoia, Luca Barbarossa, iNegramaro, etc.

Il nome di J-Ax già circolava da un pezzo nel giro anche se pare che la rivista Rolling Stone non l’abbia menzionato. Un ultimo attacco al Ministro? Quello che J-Ax elabrò insime all’amico e collega Fedez, poco prima di salire sul palco di San Siro per il loro concerto evento.

I due cantanti mandarono un messaggio ironico al neo ministro:

“Vediamo se ci mandano al confino, al limite faremo i dischi da lì, adesso dovrà dimostrare quanto è democratico”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!