Noemi in lacrime al suo matrimonio, la cantante litiga col marito – FOTO

Noemi in lacrime al suo matrimonio, la cantante litiga col marito

Alcuni giorni fa Noemi è convolata a nozze con lo storico fidanzato Gabriele Greco. La cantante nata a ‘X Factor’, ha deciso di coinvolgere i suoi followers postando alcuni scatti e un video della cerimonia nuziale. Nelle ultime ore, però, diverse foto pubblicate su ‘Chi’, il magazine diretto da Alfonso Signorini, dimostrerebbero che quel giorno è accaduto qualcosa di strano.

Stando a quanto riportato dalla rivista, Veronica Scopelliti avrebbe litigato col neo marito proprio il giorno delle nozze. Ad alimentare ancora di più i sospetti è l’immagine nella quale si vede Noemi che piange dopo aver discusso con lo sposo. (Continua dopo la foto)

Lite tra Noemi e il neo marito Gabriele Greco

Noemi e il neo marito Gabriele Greco hanno avuto una discussione il giorno delle loro nozze

“Sembrava tutto perfetto per il sì a coronamento di 10 anni di fidanzamento tra la cantante e il suo bassista, ma durante la festa tra i due è scoppiata la lite”,

è stato scritto sul magazine di Alfonso Signorini. E’ obbligo dire, però, che tra Noemi e Gabriele Greco potrebbe esserci stato solo una piccola incomprensione. I due sposi, infatti, anche grazie all’intervento di una cara amica, si sono riconciliati e hanno raggiunto gli invitati (parenti e amici) per festeggiare.

Noemi e Gabriele Greco il giorno del loro matrimonio

Le immagini di Noemi in abito da sposa sono diventate immediatamente virali. Il vestito nuziale dell’artista diventata popolare a ‘X Factor’ era firmato dalla casa di moda ‘Atelier Eme’. Gabriele Greco e la cantante si conoscono da più di dieci anni, infatti quest’ultimo è il bassista della band della Scopelliti. Il loro amore è nato ancor prima che Veronica partecipasse al popolare talent show di Rai Due (ora Sky Uno).

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)