Airbus Renzi: ‘Ci sono 300 posti e Renzi voleva anche camera da letto e vasca’ – VIDEO

Air Force Renzi

Non si ferma la polemica per l’Air Bus Renzi che è stato acquistato per la modica cifra di 150 milioni di euro con i soldi dei cittadini italiani e non è mai stato usato. Alcune ore fa, il vice Premier Luigi Di Maio e il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, sono salito a bordo dell’aereo di Stato. (Continua dopo il video)

Airbus Renzi: Luigi Di Maio e Danilo Toninelli entrano dentro il veicolo e lo mostrano ai cittadini 

L’Airbus Renzi si trovava nell’hanger dell’aeroporto internazionale di Fiumicino ‘Leonardo Da Vinci’ e prima di incontrare i giornalisti, i due esponenti del governo Giuseppe Conte, hanno deciso di realizzare un video per denunciare il grosso spreco fatto ai danni dei cittadini dal precedente esecutivo targato Matteo Renzi. I due grillini hanno ricordato a tutti i costi di gestione e il grosso risparmio per lo Stato italiano, all’incirca 108 milioni di euro. (continua dopo il video)

Air Force Renzi: il ministro del Lavoro e delle Infrastrutture indignati dalla megalomania dell’ex Premier 

“Ci sono 300 posti a sedere e non è mai stato utilizzato”,

ha dichiarato il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio attraverso una diretta su Facebook. Mostrando gli interni dell’airbus, l’esponente del Movimento 5 Stelle ha fatto una confidenza davvero singolare. L’ex Premier voleva spendere altri venti milioni di euro per far realizzare dentro il veicolo una camera da letto con annessa vasca da bagno. Per il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e l’ennesima rappresentazione della megalomania di Renzi. Ovviamente i video postati da Di Maio hanno raggiunto migliaia di visualizzazioni. In più, molti cittadini si sono scatenati con commenti di polemica contro l’ex segretario del Partito democratico. Arriverà la replica da parte del diretto interessato? Molto probabilmente lo farà attraverso i suoi profili social.

Luigi Di Maio e Danilo Toninelli annunciano la rottamazione dell’Air Force Renzi
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!