Barbara Bouchet denuncia la sua pensione da fame: ‘Vivo con 511 euro e sono costretta a…’

Barbara Bouchet denuncia la sua pensione da fame: ‘Vivo con 511 euro e sono costretta a…’

Negli Anni Settanta Barbara Bouchet è stata uno dei volti più rappresentativi della televisione italiana ma anche del cinema. La donna, infatti, ha preso parte a tantissime pellicole cinematografiche mentre oggi non se la passa molto bene. A quanto pare l’artista americana vive con una pensione di 511 euro al mese e il figlio. Alessandro Borghese è diventato più popolare di lei.

L’attrice Barbara Bouchet ha bisogno di lavorare perché ha una pensione di soli 511 euro al mese 

In una recente intervista rilasciata al magazine di gossip ‘Spy’, Barbara Bouchet ha dichiarato di aver reagito male quando ha appreso dell’ammontare della sua pensione.

“L’ho scoperto qualche anno fa. Ho pianto come pochi ma pazienza, non c’era più niente da fare. Tanti di quei produttori che non hanno versato i miei contributi erano già morti”,

ha dichiarato l’artista statunitense. Quest’ultima, inoltre, ha aggiunto che al momento vuole assolutamente continuare a lavorare perché ne ha bisogno e nello stesso tempo la tiene impegnata. Qualche tempo fa, infatti, l’attrice era a teatro insieme alla sua amica e collega francese Corinne Cléry e Marisa Laurito. Ma anche nella pellicola cinematografica ‘Metti la nonna nel freezer’ con Miriam Leone e Fabio De Luigi.

Barbara Bouchet e la soddisfazione per il figlio, lo chef Alessandro Borghese 

Poi l’affascinante Barbara Bouchet ha parlato anche del figlio Alessandro Borghese che in questi ultimi tempi sta avendo un grande successo con il programma di Sky Uno ‘Quattro Ristoranti’.

“Prima lui era il figlio di Barbara Bouchet, adesso sono io la mamma di… Sono fiera: io ho avuto il mio tempo di gloria in abbondanza e ancora oggi non mi manca, ora tocca a lui”,

ha dichiarato la diretta interessata. Non è la prima artista televisiva che si lamenta di avere una pensione misera. Anche Leopoldo Mastelloni e Orietta Berti si trovano su per giù nella stessa situazione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!