Vittorio Improta: il calciatore-bagnino più amato d’Italia

Una carriera straordinaria

La Campania, regione famosa per le eccellenze artistiche e culinarie, si rivela essere la patria dei grandi talenti sportivi. In particolare dal calcio, negli ultimi anni, sono emersi numerosi attaccanti di grande spessore e tra questi vi è Vittorio Improta. Classe ’85 e casertano Doc, il bomber d’acciaio ha un curriculum di tutto rispetto. Infatti ha militate in tante squadre diverse di altrettanto regioni diverse. Dalle giovanili del Parma alla Reggiana, dal Benevento in Serie C1 ad esperienze in Toscana, Marche, Puglia ecc. Il suo importante contributo è stato utile anche nella sua amata Campania, principalmente per le squadre di Nola e Mondragone. Il suo ricordo indelebile è legato alla tripletta, con la maglia del Parma, rifilata al Rimini, stabilendo il risultato sul 5-5.

Un calciatore al servizio dei bagnanti

Spesso e volentieri gli sportivi vengono etichettati come dei fanatici che sulla spiaggia sfoggiano costumi all’ultima moda solo per farsi dei ‘selfie’. Una delle grandi eccezioni alla regola è rappresentata proprio da Vittorio Improta. Quest’ultimo, tolte le vesti da calciatore, in estate lavora come bagnino ed assistente ai bagnanti presso il lido ‘rendez vous’ di Baia Domizia. Amato dai bambini e lodato dalla clientela, dimostra il suo grande lato umano e il suo spessore da vero lord. Nonostante sia un bellissimo ragazzo ed apprezzato dal parterre femminile, è felicemente sposato ed ha una bimba meravigliosa. Vittorio è la dimostrazione tangibile che esistono ancora dei gentiluomini che danno l’anima per la famiglia e per il lavoro.

Il sogno nel cassetto

Come ogni bambino, anche Improta sognava di approdare in Serie A e giocare la Champions League contro campioni del calibro di Cristiano Ronaldo. Nella vita, non tutto va come vorremmo, ma ciò non ha mai mandato in sconforto il nostro attaccante campano che spera di poter riprendere gli scarpini e disputare un nuovo campionato ai suoi altissimi livelli. Le squadre di calcio sono avvisate. Oltre al calcio però, Vittorio, che durante l’anno aiuta i genitori nel bar di famiglia ‘Vichy Caffè’ di Castel Volturno, vorrebbe, in futuro, aprire un’attività commerciale al fine di proseguire la filosofia familiare. La sua gratitudine è immensa per i suoi amati genitori che non gli hanno mai fatto mancare nulla.