Delitto Sarah Scazzi: Ivano Russo nei guai: ecco cosa avrebbe fatto il giorno dell’omicidio

Delitto Sarah Scazzi: Ivano Russo nei guai: ecco cosa avrebbe fatto il giorno dell'omicidio

Si mette male la situazione per Ivano Russo che potrebbe essere accusato per aver depistato le indagini riguardanti il delitto di Sarah Scazzi. Stando alle ultime dichiarazioni di Virginia Coppola, la sua ex fidanzata, sembrerebbe che il giovane non abbia detto tutta la verità. La Coppola, al centro del litigio tra la Scazzi e la cugina Sabrina Misseri, le avrebbe confessato che quel pomeriggio sarebbe uscito di casa.

Caso Sarah Scazzi: Virginia Coppola smentisce Ivano Russo, l’ex fidanzato sarebbe uscito il giorni del delitto della ragazzina 

Virginia Coppola ha rivelato al Pubblico Ministero che si occupa del caso, di aver saputo che Ivano Russo, nel pomeriggio del 26 agosto 2010, era uscito di casa. Secondo il suo racconto, l’x fidanzato intorno alle 13:45 circa sarebbe andato ad acquistare le cartine per confezionare manualmente le sigarette. Quindi è tornato nel suo appartamento alle 15, ovvero circa venti minuti dopo. Inoltre, secondo la Coppola Ivano le avrebbe detto di aver visto Sarah Scazzi nello stesso giorno, però non ha saputo specificare l’orario esatto. In tutti questi anni Russo ha sempre affermato di non essere mai uscito di casa quella giornata. Parole che erano state confermate anche dai suoi familiari, ovviamente anch’essi finiti sotto processo.

Delitto Sarah Scazzi: la confessione dell’ex di Ivano Russo, Michele Misseri si autoaccusa nuovamente

Su contro-esame da parte degli avvocati di Russo si è venuti a conoscenza che Virginia Coppola, durante la sua confessione ha confermato che la sua relazione sentimentale con Ivano è finita malissimo e si è chiusa solo attraverso delle denunce e contro-denunce. Durante l’ultima udienza, anche Michele Misseri, imputato di autocalunnia, si di nuovo auto incolpato di aver assassinato la nipote Sarah Scazzi. Nel frattempo è stato confermato l’ergastolo per Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano. Il delitto di Sarah Scazzi che a distanza di anni contiene ancora molti lati oscuri.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!