Vauro, la vignetta vergognosa contro Matteo Salvini: ‘L’uomo marcio…’ – FOTO

Vauro, la vignetta vergognosa contro Matteo Salvini: ‘L'uomo marcio…’ – FOTO

Ormai è diventata una vera moda andare contro il neo ministro dell’Interno Matteo Salvini. Da quando il leader del Carroccio è al governo insieme al Movimento 5 Stelle ha ricevuto decine e decine di accuse da parte di personaggi dello spettacolo, esponenti politici avversari e anche da uomini di chiesa.

Vauro e la vignetta contro Matteo Salvini

Recentemente il vignettista Vauro è tornato alla carica contro Matteo Salvini realizzando un disegno contro il segretario della Lega Nord. L’artista ha accusato quest’ultimo di fomentare l’odio. Da che pulpito viene la predica? Non è Senesi che giornalmente disegna delle vignette sul giornale nazione ‘Il Fatto Quotidiano’ contro l’attuale esecutivo? Per il momento non si parla altro che del del caso di Daisy Osakue, ovvero l’atleta italiana di colore ferita dal lancio di un uovo all’occhio. Un episodio che è stato immediatamente bollato come razzista anche se ne mancano le prove e anche se anche la polizia esclude questo tipo di movente. E cosa centra Matteo Salvini?

L’uovo marcio con la faccia di Matteo Salvini

Secondo Vauro no. Infatti, il vignettista comunista è arrivato alla sua conclusione incolpando il vice Premier Matteo Salvini. Quindi, sulla prima pagina del quotidiano nazionale è stato stampato un disegno con la seguente frase: ‘Caso Daisy Osakye’. Vauro, inoltre, ha disegnato un grosso uovo con il viso del leghista, un uovo dopo fuoriesce un liquido nauseabondo. In più ha scritto questo: ‘l’uomo marcio’. Si tratta di un vero e proprio insulto che suscita solamente odio. (Continua dopo la foto)

L’uovo marcio disegnato da Vauro

Oltre a Vauro, anche altri artisti hanno criticato Matteo Salvini 

In questi ultimi giorni Matteo Salvini ha ricevuto delle pesanti offese anche da parte di altri artisti. Basti pensare alle accuse di Nina Zilli, di Asia Argento e ieri è stato il turno della cantante Fiorella Mannoia. Quest’ultima, infatti, ha utilizzato dei termini pesanti nei confronti del ministro dell’Interno per la vicenda Daisy Osakue.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!