Suicida dopo video hot, la mamma di Tiziana Cantone su Fb: “Ecco chi è il colpevole…” – FOTO

Cantone
Tiziana Cantone, la mamma punta il dito contro un uomo

La mamma di Tiziana Cantone non si è mai arresa: sua figlia si è tolta la vita perchè spinta da altre persone. Ha sempre pensato che sua figlia non avrebbe mai pensato ad un gesto estremo e adesso punta il dito

Tiziana Cantone aveva 31enne quando si tolse la vita, nel 2016, perché non sopportava la  vergogna per la diffusione di alcuni suoi video hot. La mamma però ha sempre sostenuto che sua figlia fosse stata istigata direttamente o indirettamente e che qualcuno aveva le responsabilità.

Cantone, il pensiero della mamma sul suicidio di Tiziana

La mamma di Tiziana Cantone ha sempre puntato il dito contro una persone in particolare, il fidanzato della figlia che si è tolta la vita ha per la vergogna di un video che la ritraeva mentre aveva un rapporto orale. A rendere note le accuse della donna che ancora vive con strazio il suo dolore, lo rende noto il quotidiano on-line Giustizianews24.it.

La mamma, Maria Teresa Giglio, ha sempre puntato il dito contro l’ex racgazzo. Lo scorso 25 luglio, ha pubblicato un post al veleno su una pagina di Facebook intitolata «Tiziana Cantone per le altre».

Il messaggio sui social e la foto del colpevole

La mamma usa una linea dura pubblicando un post con tanto di foto e il nome del suo “colpevole”. Ecco cosa ha scritto la donna:

«Questo è Sergio Di Palo, prenditi la tua visibilità, volevi restare nell’ombra, gestivi Tiziana in modo che dovesse comparire solo lei. C’era un disegno criminale ai soli danni di mia figlia e non un ‘gioco di coppià».

Poi ha aggiunto:

«Ora una foto di un colpevole ce l’avete PERCHÉ non la mostrate? Avete paura o provate rispetto… rispetto per uno che si dispera PERCHÉ non può fare vita sociale… e mia figlia che è sottoterra…. Tiziana meritava rispetto!»

Ovviamente sotto il post della donna, carico di rabbia, sono piovuti decine di commenti alcuni anche molto pesanti contro l’ex della figlia che si è tolta la vita giovanissima.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!