Forum, il dramma di Bracconeri: “La Tv non mi fa più lavorare, mio figlio è malato…”

Bracconieri
Bracconieri e il dramma del lavoro e del figlio

Fabrizio Bracconeri è stato a lungo un volto di Forum la trasmissione di rete 4. Ma in molti lo ricordano anche come l’ex ragazzo della Terza C. Oggi non vive un periodo particolarmente sereno della sua vita e lo racconta in un’intervista

Tanti i film interpretati da Fabrizio Bracconeri, classe ’64. Eppure oggi, l’ex volto di Forum, sta vivendo un periodo difficile.

Da Forum al nulla, il dramma di Bracconeri

Ha interpretato uno dei telefilm cult degli anni ’90 I ragazzi della terza C, Fabrizio Bracconeri ma tutti lo ricordano, più di recente, per il ruolo ricoperto a Forum. tra gli altri film interpretati dall’attore anche College e, Acqua e sapone, di Carlo Verdone, Fratelli d’Italia, di Neri Parenti, Amarsi un po’ dei fratelli Vanzina.

Dopo Forum però il suo volto non è più apparso sul piccolo schermo e non è stato il suo un ritiro volontario. In un’intervista racconta il motivo per il quale è stato costretto a rinunciare a Forum:

«Sono stato costretto. Quattordici anni fa comperai una casa ad Erice vicino Trapani e quattro anni fa mi sono trasferito lì con mia moglie e mio figlio che è autistico grave Per lui sono andato via da Roma e dal lavoro. Ma che potevo fare? Ho altri tre figli che lavorano in altre città, ed io avevo il dovere di pensare a lui, un ragazzo di 16 anni, alto un metro e 72, che nella Capitale stava male, non voleva neanche più uscire di casa».

Una situazione difficile che quindi l’ha portato a fare delle rinunce.

Bracconeri, niente più lavoro in Tv

Alla domanda del giornalista, l’ex volto di Forum non può non rispondere anche se è una domanda piuttosto delicata:Da quando non lavora? L’attore risponde:

«Da qualche anno, ma devo rimanere qui, ho ancora qualcosa da parte, frutto del mio lavoro passato. A volte penso ad altri genitori con gli stessi problemi: ci sono medicine che vengono passate, ma altre, le più care, te le devi pagare. Mi incavolo a giusta ragione e sa come mi chiamano? Fascista».

Rita Dalla Chiesa resta per Bracconieri una collega e una amica insostituibile. Infatti non può che riservare per lei delle belle parole:

«È una donna straordinaria, ha sempre vissuto le storie all’interno del programma con partecipazione affettiva. Per lei, come per me, l’amicizia ha un valore importante. Come conduttrice la preferisco alla Palombelli».

Bracconieri sogna e spera di tornare in Tv anche perchè purtroppo il lavoro è necessario a tutti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!