‘Barbara D’Urso m’ha rovinato la vita’: accusa choc contro la conduttrice napoletana

‘Barbara D’Urso m’ha rovinato la vita’: accusa choc contro la conduttrice napoletana

Barbara D’Urso e i due giornalisti Alessandro Banfi e Alessandro Cracco il prossimo 14 novembre saranno chiamati a giudizio. L’udienza si doveva svolgere alcuni giorni fa ma, a causa delle notifiche che non sarebbero state inviate all’ufficio giusto di Mediaset, è stata rinviata. Ma per quale motivo Lady Cologno e i suoi collaboratori devono presentarsi in Tribunale? Andiamo a vedere cosa è successo.

Barbara D’Urso e la vicenda legata al caso Rosboc 

Fuori dall’aula la signora R.S. sono queste le sue iniziali, ha fatto delle pesanti accuse a Barbara D’Urso.

“Quella donna mi ha rovinato la vita. Sei minuti di trasmissione per distruggere un’esistenza. Le mie foto prese da Facebook e sbattute in video a tutto schermo”,

ha dichiarato la donna. Il servizio in questione è stato trasmesso il 3 marzo del 2016 all’interno del contenitore ‘Pomeriggio Cinque’ in cui proponeva alcune informazioni sul caso Rosboc. Si parlava di una certa Chicca, una signora che vive nel canavese che sarebbe stata una delle tantissime amanti di Gabriele Defilippi. La donna ha affermato che quel pomeriggio era a casa di sua madre e la televisione era accesa e sintonizzata su Canale Cinque.

La signora R.S. accusa Barbara D’Urso di averle rovinato l’esistenza 

“Quando ho visto le mie foto, quel servizio, le cose assurde che venivano dette su di me, mi è crollato il mondo addosso. La mia vita è andata in frantumi”,

ha detto R.S.

“Da quel giorno nulla è stato più come prima. Con quel servizio Barbara d’Urso ha aperto la trasmissione. L’hanno visto tutti. Ho ricevuto telefonate da mezza Italia”,

ha ribadito la donna. Quest’ultima ha accusato Barbara D’Urso di averle completamente rovinato l’esistenza e che ora fa molta fatica ad andare in giro nel suo paese. Inoltre, R.S. ha affermato che non si tirerà indietro promettendo che i diretti interessati dovranno pagare per quello che le hanno fatto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!