Maria De Filippi, il padre dell’ex tronista ucciso chiede giustizia: “Solo una multa per l’assassino…”

de filippi
Il padre di Antonello Zara chiede giustizia

Il padre dell’ex tronista di Maria De Filippi, Antonello Zara, si appella ai media per avere giustizia. A 10 anni dalla morte del figlio, Valter Zara dice la sua

Antonello Zara fu un tronista di Maria De Filippi circa 10 anni fa, quando il programma andava in onda da pochi anni. Purtroppo, 10 anni fa, il 7 agosto 2008, l’ex tronista di ‘Uomini e Donne’ ha perso la vita, ma suo padre non ha mai avuto giustizia.

Valter Zara, giustizia per il figlio ammazzato

Chi segue il programma di Maria De Filippi sicuramente si ricorderà di lui, Antonello Zara aveva conquistato all’epoca il cuore di molte fanciulle con la sua bellezza e la sua dolcezza ed educazione. Purtroppo, l’ex volto di Uomini e Donne è morto in un incidente stradale mentre viaggiava a bordo di uno scooter in Sardegna, 10 anni fa ormai. Gli fu fatale un forte impatto contro una vettura che viaggiava contromano ad altissima velocità.

In occasione dell’anniversario della morte del giovane 31enne, Valter Zara, il padre del ragazzo ha rilasciato un’intervista al tg Studio Aperto. Le sue parole hanno commosso i telespettatori:

“Sono dieci anni che mi faccio delle domande e nessuno mi ha mai risposto. Non ho mai visto in faccia chi ha ammazzato mio figlio”.

Lo sfogo di papà Zara

Non è stato facile per l’uomo dire queste cose in Tv. Anche a distanza di molti anni la ferita provocata dalla perdita improvvisa di un figlio fa male, soprattutto se chi l’ha provocata non è in carcere. A provocare la morte dell’ex pupillo della De Filippi, un giovane 22enne, condannato ad una multa 231 euro e a un anno di reclusione con pena sospesa.

“Lui era sul rettilineo. Questa macchina, per me, è andata a sbattere contro un muretto e dopo ha preso in pieno Antonello. Mezz’ora dopo Antonello non c’era più”.

Le parole di Valter Zara non possono cadere nel vuoto soprattutto adesso che è stato istituito il reato di omicidio stradale.M

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!