La Boschi contro Elisa Isoardi: parole cattive e offensive per la compagna di Salvini

Isoardi
Maria Elena Boschi contro Elisa Isoardi

Elisa Isoardi non è un membro del parlamento come Maria Elena Boschi, eppure le due ultimamente sui social sono entrate in competizione, ecco un’interessante rigflessione sul motivo che le vede l’una contro l’altra

La giornalista Francesco Maria del Vigo sul Giornale tra la Elisa Isoardi e la Boschi ha tracciato un interessate parallelismo. La prima è la fidanzata di Matteo Salvini mentre l’altra è un’icona del renzismo, movimento però ormai in declino. Se Salvini è contro Renzi….

Boschi contro Isoardi, la verità

Dopo l’uscita di scena della fidanzata di Di Maio, è la Isoardi la vera first lady. Ed è proprio per questo, secondo la giornalista de Il Giornale, che la Boschi l’ha tirata in ballo sulla questione risotto. Sui social postando la foto del suo risotto, ha scritto:

«Non sarò come la Isoardi ma un buon risotto lo so fare anche io».

La bella Isoardi non ha nulla a che vedere con il mondo della Politica ma solo il fatto di essere la compagna del Ministro dell’Interno fa alzare il sopracciglio alla Boschi. Con le sue parole ha voluto in qualche modo sminuire le capacità della Isoardi, come per dire “che ci vuole a farlo” e allo stesso tempo si è aperta ad una maggiore familiarità con il mondo social.

La Boschi: perchè quel commento?

Salvini punta ad una politica domestica, che fa della cucina e dell’ambiente domestico una chiave di familiarità con i votanti.  Così, con il suo risotto, Elena Boschi si è adeguata e ha dichiarato sui social l’aperta battaglia contro la prossima presentatrice de La Prova del Cuoca.

La Isoardi da canto suo non ha colto la provocazione. Mettere in piazza, attraverso i social la vita privata è un modo di fare politica, la Boschi l’ha capito e sta cercando di emulare Salvini, prendendo il post della vera first lady.  Riuscirà nel suo intento? Purtroppo la piddina suo malgrado, non gode della stessa popolarità della copagna di Salvini.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!