Rebecca De Pasquale, l’ex gieffina transgender in miseria: ‘Sono senza soldi e…’

Rebecca De Pasquale, l'ex gieffina transgender in miseria: ‘Non so più come fare la spesa e…’

L’ex concorrente Rebecca De Paquale, dopo aver partecipato e vinto al reality show ‘Grande Fratello’,  aveva ottenuto una grande popolarità. Col passar del tempo, però, la transgender non è stata più invitata nei salotti televisivi e non ha realizzato più serate nei vari locali notturni e discoteche. Alcune ore fa l’ex gieffina ha rilasciato una lunga intervista a ‘Nuovo’, il magazine diretto da Riccardo Signoretti ammettendo di essere finita in miseria. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa ha confessato Rebecca De Paquale.

L’ex gieffina Rebecca De Pasquale finita in miseria 

Purtroppo anche vincendo il ‘Grande Fratello’ non si arricchisce per tutta la vita. Prima o poi i soldi finiscono se non vengono gestiti in modo corretto. E’ il caso di Rebecca De Pasquale che addirittura il reality lo ha pure vinto.

“Il mio guadagno per tre mesi nella Casa è stato di 1900 euro, poco più di 600 euro al mese. Ma oggi per me lavorare è diventato più difficile per cui non riesco più ad arrivare alla fine del mese“,

ha dichiarato la transgender. Quest’ultima, inoltre, ha affermato di aver perso tutti i lavoretti che faceva prima di entrare nella casa di Cinecittà. Con quel poco che riesce a racimolare fa fatica a sopravvivere. Addirittura Rebecca De Pasquale è stata costretta a vendere degli oggetti personali nei mercatini per racimolare qualche euro.

Rebecca De Pasquale scartata per il ‘Grande Fratello 15’

E pensare che qualche mese fa Rebecca De Pasquale era stata contattata dalla redazione del ‘Grande Fratello 15’, quello presentato da Barbara D’Urso, per fare la concorrente. A quanto pare qualcosa è andato storto.

“A febbraio sono stata contattata dalla redazione. poi, quando il reality è passato nelle mani di Barbara D’Urso, la conduttrice ha preferito sostituire gli ex gieffini come me con altre persone note”,

ha concluso Rebecca De Pasquale.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!