Abbattimento vele di Scampia: il conto alla rovescia è iniziato, ecco la data della demolizione

L’abbattimento delle vele di Scampia è alle porte. Si parla di Settembre, per la precisione di metà settembre. Salvo intoppi è questo il periodo in cui verrà cantierizzata l’area della Vela Verde per iniziare le operazioni di abbattimento previste dal progetto Restart Scampia che è stato finanziato dalla presidenza del Consiglio nello scorso 2016. In quel periodo alla guida del bel Paese c’era il centro sinistra.

È già stata individuata la ditta, con aggiudicazione provvisoria, che si occuperà dei lavori. Le conferme arriveranno solamente dopo la pausa estiva.

Dopo l’aggiudicazione definitiva, la ditta potrà procedere con la demolizione della prima Vela, quella Verde per poi proseguire con la seconda, la Vela Rossa e subito dopo sarà la volta della Vela Gialla.

Si procederà invece per quanto riguarda la Vela Celeste ad una sua riqualificazione e sarà destinata ad ospitare provvisoriamente le famiglie provenienti dalle altre tre Vele e che non sono state assegnatarie degli ultimi 60 alloggi assegnati che si trovano tra via Pietro Gobetti e Piazza Socialità.

Le autorità competenti assicurano che il progetto Restart Scampia non subira ne rallentamenti ne ritardi nella sua esecuzione, ci sono in ballo altri 96 progetti per gli enti locali che ora sono congelati.

La cifra dell’operazione dell’operazione è di 1,5 miliardi di euro e vede coinvolte Province e Città Metropolitane. Con precisione e riferimento alla demolizione delle Vele, l’intervento di abbattimento è di 27 milioni di euro; 18 di questi rientrano nel bando per le periferie e 9 finanziati dal Comune di Napoli attraverso il Pon Metro.