Il cantante Er Piotta contro Salvini: “E’ un pericolo pubblico, dovrebbe…”

Er Piotta contro Salvini

Da una parte o dall’altra in molti hanno preso una posizione con o contro Salvini. Anche il cantante Er Piotta qualche tempo fa disse la sua sull’attuale Ministro dell’Interno

Di certo non riservò belle parole per Matteo Salvini, Er Piotta. Il cantante romano, in una vecchia intervista disse chiaramente qual era la sua posizione in merito. Molti artisti prima e dopo di lui hanno espresso la propria idea, come Fiorella Mannoia, Nina Zilli

Er Piotta metteva in guardia da Salvini

Il cantante Er Piotta, in un’intervista fatta prima che Salvini arrivasse a conquistare gli italiani e ricoprisse la posizione che ha, rivelò la sua opinione sul leghista. Il suo, non era di certo un parere positivo, ma alla luce delle prese di posizioni attuali, è giusto riportare anche quello che di lui disse in un’intervista.

In un pezzo del suo ultimo album Er Piotta parla di un super nemico. A chi fa riferimento? Proprio al Ministro dell’Interno. In quell’intervista il cantante chiarisce definitamente il suo pensiero politico.

Le parole contro Salvini

Nel primo pezzo del disco di circa 3 anni fa, il cantante cita il leader del Carroccio. È lui il super nemico? Secondo quanto afferma lo stesso cantante, sì. Ecco cosa racconta:

«Nell’album mi espongo molto. Faccio diversi nomi. Così come nelle interviste e nei brani. Già nel primo pezzo infatti ce ne sono parecchi e sicuramente non poteva mancare quello di Salvini. Sì, Salvini è un pericolo. O non si rende conto di quel che fa, e non lo escluderei, o probabilmente usa rabbia e dolore per alimentare odio e paura. Se non è pericoloso questo da parte di un politico! Dio potrà perdonarlo, io da essere umano lo considero un pericolo pubblico».

Per Er piotta quindi, il Ministro dell’Interno è un pericolo in quanto usa la paura e l’odio per incrementare la sua popolarità. Ma a quanto pare, la maggior parte degli italiani, visto che l’ha votato, non la pensa esattamente come il romano.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Susy Caruso: