Rom denuncia Matteo Salvini: ‘E ora di dire basta a…’

Rom denuncia Matteo Salvini: ‘E ora di dire basta a…’

Venerdì pomeriggio Alievski Musli, un cittadino italiano di etnia Rom originario della Macedonia, si è recato alla procura della Repubblica di Roma per depositare una denuncia. A chi? Ovviamente contro il leader della Lega Matteo Salvini. Il motivo? Secondo il ragazzo per la violazione della Costituzione, del Testo Unico sull’Immigrazione e delle norme contro le discriminazioni raziali.

Musli denuncia il vice Premier Matteo Salvini per odio razziale 

La denuncia fa riferimento alle numerose dichiarazioni che il vice Premier ha fatto nei confronti dei rom, e soprattutto a alcune frasi che il leader del Carroccio ha pronunciato in un programma sull’emittente locale Tele Lombardia. In quell’ospitata Salvini parlava del Censimento.

“Al ministero mi sto facendo preparare un dossier sulla questione rom in Italia. Occorre fare una ricognizione per vedere chi, come, quanti sono, rifacendo quindi il censimento. Se gli stranieri irregolari vanno espulsi, i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa”,

aveva dichiarato il neo ministro dell’Interno.

Denuncia del rom Musli: ecco cosa potrebbe rischiare Salvini 

Per il rom Musli, grazie alla collaborazione con ‘Possibile’, queste affermazioni costituiscono una violazione dell’articolo 43 del Testo Unico sull’immigrazione. Una norma secondo cui costituisce discriminazione ogni comportamento che, direttamente o indirettamente, comporti una distinzione, esclusione, restrizione o preferenza basata sulla razza, il colore, l’ascendenza o l’origine nazionale o etnica, le convinzioni e le pratiche religiose. La denuncia fatta dal rom fa riferimento anche all’articolo 3 della legge 654/1975, che punisce con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi incita o commette atti razziali. Matteo Salvini potrebbe rischiare molto. Arriverà la replica da parte del diretto interessato? Il vice Premier ha dichiarato che per lui tutte queste denunce sono solo medaglie.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!