Garda, immigrati protestano e insultano Salvini: “E’ una struttura di me*da…”

Salvini
Salvini, reagisce alla protesta degli immigrati a Garda

A Garda nuova protesta degli immigrati: ben 35 profughi hanno manifestato davanti all’albergo che li ospita

Ancora una nuova proteste degli immigrati. Contro Matteo Salvini e lo stato, gli immigrati hanno lamentato condizioni di vita inaccettabili.

Proteste davanti all’hotel che li ospiti ed insulti a Salvini

Gli immigrati sanno benissimo che adesso la situazione, con il governo Salvini, per loro è un po’ cambiata. Eppure, non smettono di protestare. Poche ore fa, agguerriti si sono presentati davanti all’hotel Tre Lampioni di Toscolano Maderno e hanno vivacemente  iniziato a chiedere condizioni igienico-sanitarie dignitose e il rispetto dei tempi burocratici previsti per la valutazione del loro status.

Diritti normali, ma la protesta ha avuto anche momenti riservarti agli insulti: come si legge sul lenzuolo appeso a mo’ di bandiera, gli immigrati dicono che il Ministro dovrebbe vergognarsi, in quanto rappresentate del paese.

Il messaggio dei profughi

Ecco cosa hanno scritto i profughi, un gruppetto dai 20 ai 30 anni, sul lenzuolo. Messaggio riportato esattamente come scritto:

“Siamo stufi di vivere in questa merda di struttura. Avete promeso (promesso, ndr) tante cose che non sono stato fatto (state fatte, ndr) fino adeso (adesso, ndr). Siete i buggiadi voi, basta le buggie (Siete voi i bugiardi, basta con le bugie, ndr). Vostro staff è qui solo fare i soldi e basta. Siamo stati zitti fino adeso (adesso, ndr) ma voi mangiate vostro parolo (vostre parole, ndr) e fate vostro besness (business, ndr). Vergognati. Siamo humani non i shiavi (schiavi, ndr)”.

Bresciasettegiorni.it scrive che  i migranti vorrebbero poter lavorare, imparare bene la lingua italiana, ricevere una formazione e lamentano un abbandono dal punto di vista medico.

La reazione di Salvini

Ovviamente, la reazione del vicepremier leghista non si è fatta attendere. Appena ha potuto ha scritto come la pensa su questa nuova protesta:

Piuttosto eloquente come al solito.

 

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!