Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis abbracciata con un altro uomo – FOTO

Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis abbracciata con un altro uomo a mare – FOTO

Non c’è pace per Sonia Bruganelli. La moglie di Paolo Bonolis è finita nuovamente al centro delle polemiche sul web. Questa volta, però, non c’entra nulla i jet privati o l’ostentazione del loro tenore di vita. Si tratta di uno scatto che la donna ha pubblicato sul suo profilo Instagram in cui si riprende abbracciata all’amico Alessandro.

I due si trovano in spiaggia ma nell’immagine non c’è traccia di Bonolis. Ricordiamo che quest’uomo è apparso più volte in compagnia della coppia, ma il polverone alzato dagli internauti è per un altro motivo. Qui non si discute per un presunto tradimento, ma il concetto di rispetto. Lo scatto a diviso a metà i suoi seguaci: una parte hanno criticato aspramente Sonia Bruganelli mentre altri hanno prese le sue difese.

Sonia Bruganelli e l’amico Alessandro sdraiati e abbracciati sulla sabbia 

Sonia Bruganelli e il suo caro amico Alessandro appaino sorridenti e spensierati sopra la sabbia. L’ultimo post della moglie di Paolo Bonolis ha scatenato un vero putiferio. Ecco alcuni commenti negativi ai danni della donna:

“Ma una foto con Paolo mai?”; “In tutto c’è un limite…Contento Paolo”; “Porta un po’ di rispetto al tuo marito, ma soprattutto ai tuoi figli”; “Anche io sto sempre abbracciata a un amico. Mio marito è d’accordissimo! Che usanze strane che avete?”.

Sonia Bruganelli sempre al centro delle polemiche

Sonia Bruganelli, però, non ha ricevuto solo delle critiche feroci. Tanti suoi followers, infatti, hanno visto in quello scatto un bellissimo rapporto d’amicizia e niente di più. Per alcuni non c’è nulla di malizioso se due amici si abbracciano. Ormai la moglie di Paolo Bonolis è abituata agli insulti, infatti negli ultimi tempi ne ha ricevuti parecchi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)