Vittorio Feltri: ‘Le corna sono l’unico modo per far durare a lungo i matrimoni’: ecco perché

Vittorio Feltri: ‘Le corna sono l’unico modo per far durare a lungo i matrimoni’: ecco perché

Alcune ore fa Vittorio Feltri ha risposto alla lettera di un suo lettore nella rubrica ‘Storie di tradimenti’. Il direttore di ‘Libero’ ha scritto un’affermazione che ha suscitato un grande clamore, soprattutto da parte del genere femminile. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa è successo.

Vittorio Feltri e il suo intervento sui tradimenti 

“Molti matrimoni non durerebbero tanto a lungo se non ci fossero gli amanti”,

sono queste le parole di Vittorio Feltri che, senza giri di parole, le ha rivolte ad un lettore. Il direttore ha invitato l’uomo a liberarsi dai sentimenti come il senso di colpa, e gli ha consigliato di tradire. Secondo Feltri, se questa persona avrebbe fatto alcune scappatelle con altre donne, il suo matrimonio con la moglie non sarebbe naufragato.

“Perciò la consorte dovrebbe essere persino grata alle partner che hai collezionato nonché all’attuale partner fissa. Certi sposalizi sono come uno sgabello. Stanno in piedi solo su tre piedi, non su due”,

ha scritto il giornalista sulla sua rubrica.

Vittorio Feltri parla di tradimenti nella sua rubrica su ‘Libero’ 

Per Vittorio Feltri fare le corna al proprio partner non li rende eroi, ma nello stesso tempo nemmeno degli esseri immondi. Poi si è complimentato col suo lettore per aver tradito la moglie ma anche espresso solidarietà a quest’ultima per aver scoperto che il consorte ha condiviso il piacere e la passione con altre donzelle.

“Il tradimento brucia tanto a chi lo subisce perché ne mina l’orgoglio, non già per la fiducia delusa o la violazione del talamo”,

ha continuato il direttore di ‘Libero’ Vittorio Feltri. Quest’ultimo, inoltre, ha consigliato all’uomo di continuare a godersi l’amante e la serenità che le reca. Infine gli ha detto di svolgere il suo lavoro con armonia mentre sua moglie continua a lavargli le mutande. Sicuramente se ne parlerà ancora di questa bizzarra vicenda.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!