Il prete che odia Matteo Salvini: ‘Non gli auguro la morte, ma deve sparire dalla…’

Il prete che odia Matteo Salvini: ‘Non gli auguro la morte, ma deve sparire dalla…’

Non è solo un prete, Don Aldo si considera anche ‘Abruzzese, aquilano’. Il parroco, inoltre, è una delle firme più lette del portale ‘Huffington Post’ e, proprio in questa veste, recentemente è stato intervistato da un programma radiofonico. L’uomo di chiesa ha avuto delle dure parole per il governo gialloverde, ma in particolare si è scagliato contro Matteo Salvini.

“Salvini è un fascista e un razzista, non ci piove. Dice più o meno le stesse cose di Hitler. Che fino a quando era vivo riempiva le piazze ed è diventato un mostro, e spero lo diventi anche lui. Non gli batto le mani”,

ha dichiarato il parroco abruzzese. Don Aldo, inoltre, ha affermato che il leader della Lega Nord è un squadrista, razzista, ignorante, volgare, cinico e baro, sbrodolatore di volgarità, fomentatore di odio, prevaricatore, lupo travestito da agnello, cristiano camuffato. Dei termini abbastanza pesanti per un uomo che predica il Vangelo. In più il prete ha paragonato il vicepremier sia a Hitler che al Duce Mussolini. (Continua dopo la foto)

Don Aldo, il prete che augura il peggio a Matteo Salvini

Il prete che considera il leader della Lega Nord un diavolo 

Per don Aldo l’unico modo per sbarazzarsi di Matteo Salvini è la rivolta popolare. Secondo il prete, il leader del Carroccio camuffa il suo razzismo col rosario ma nello stesso tempo è un mostro.

“Non auguro la morte a nessuno, ma deve scomparire dalla vita pubblica e politica”,

ha ribadito il parroco aquilano.

Chi è Don Aldo, il prete che vuole sbarazzarsi di Matteo Salvini? 

Don Aldo è diventato parroco nel 1968. Noto in tutta Italia come ‘Prete scomodo e parroco Rosso’ ha sempre creato delle provocazioni con degli articoli, dibattiti, mostre e conferenze, dibattendo i temi del Terzo Mondo e anche del sottosviluppo. E’ sempre stato impegnato nel sociale e ha rifiutato molte candidature da parte del centro-sinistra.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!