Gerry Scotti si confessa: ‘Se non sono finito in galera è perché…’

Gerry Scotti

Il divertente Gerry Scotti, soprannominato da tutti Zio Gerry, qualche ora fa ha rilasciato un’intervista a quotidiano nazionale ‘Corriere della Sera’. Il presentatore di ‘Caduta Libera’, il game show di Canale 5 che ripartirà a settembre su Canale 5, ha parlato del suo passato ricordando alcuni particolari della sua lunga carriera televisiva. Il pavese ha menzionato uno dei suoi programmi di grande successo, ovvero ‘Passaparola’, in onda sulla rete ammiraglia Mediaset agli inizi degli Anni Duemila.

Gerry Scotti parla di ‘Passaparola’ e delle vallette che hanno lavorato al suo fianco

Gerry Scotti, però, non ha parlato del quiz in sé per sé, ma delle ragazze che lavoravano al suo fianco. Le vallette era stato attribuito il nome di ‘Letterine’.

“Sono stato fortunato: la mia sensualità e carnalità hanno resistito a tutto. Se non sono finito in galera con le letterine sono stato molto bravo”,

ha dichiarato lo Zio Gerry. Quest’ultimo, inoltre, ha affermato che il suo comportamento non sa se è dipeso dalla rettitudine morale o perché si è reso conto di essere un uomo tutto di un pezzo. Gerry Scotti ha raccontato anche che in 35 anni di carriera nessuna ragazza ha mai fatto la lasciva con lui. Per questo motivo il conduttore ha voluto al suo fianco ragazze che non avevano bisogno di lui.

Gerry Scotti: il matrimonio fallito, il figlio Edoardo e la nuova compagna

Nel corso dell’intervista al ‘Corriere della Sera’, Gerry Scotti ha parlato anche della sua vita privata e del matrimonio con Patrizia Grosso.

“E’ stato un momento delicato nel quale temevo per Edoardo, invece lui è stato bravissimo, più bravo di noi”,

ha confessato l’artista pavese. Infine ha fatto dei complimenti al figlio e alla sua nuova compagna di vita.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!