Ponte Morandi, parla l’autista del camion in bilico sul ponte: “Mi ha salvato un…

Ponte Morandi
Ponte Morandi, parla l'autista del camion Basko

La sua storia ha impressionato mezzo mondo. Il camionista del camion in bilico che ha fatto il giro del mondo. Lui si è fermato a pochi metri dal crollo evitando la morte

Ha evitato la morte per un pelo il camionista che si trovava proprio sul ponte Morandi il giorno del crollo. L’autista si è fermato a pochi metri dalla voragine.

Ponte Morandi, il camionista si è salvato grazia ad un miracolo

Il camionista che si è salvato dal crollo del Ponte Morandi si chiama Luigi Fiorillo. Era lui alla guida del tristemente noto camion della catena di supermercati genovese Basko che è diventato il simbolo della strage del ponte di Genova. Ha guidato il suo camion, come faceva ogni giorno per lavoro e si è salvato per miracolo:

“Stavo tornando da una consegna sulla riviera di Ponente”

E’ questo ciò che ha raccontato a NewsMediaset. Poi ha continuato:

“Procedevo adagio perché la visibilità era ridotta, poi è crollato tutto: non ricordo bene, sono rimasto stupito e spaventato. Sono sceso dal camion, l’ho lasciato acceso, con la marcia innestata e sono corso via per paura che crollasse tutto”.

La sconvolgente dichiarazione

Ecco cosa ha raccontato l’uomo ancora incredulo di essere scampato ad un orribile morte:

 “Ho sempre avuto paura a passare su quel ponte, vibrava sempre. L’ho percorso centinaia di volte”.

Di quel orribile giorno ricorda:

“Pioveva fortissimo, sempre più forte mentre mi avvicinavo a Genova. Andavo piano per mantenere la distanza di sicurezza, questo mi ha salvato, se fossi andato più veloce sarei finito giù nel burrone. Ho visto il ponte andare giù davanti a me e sono sceso”

Poi per salvarsi:

ho iniziato a correre all’indietro. Ero preoccupato di lasciare il camion col motore acceso e pensavo che crollasse tutto: quel camion è la mia seconda casa. Sono stato fortunato. Chiamatelo miracolo, forse un angelo custode, visto che io sono credente, era lì e mi ha salvato”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!