Partito Democratico scompare dalla politica: ecco l’idea dei piddini per recuperare gli elettori

Il Partito Democratico scompare dalla politica: ecco l’idea dei piddini per recuperare gli elettori

Da PD a Movimento Democratico Europeo? 

“La casa brucia, bisogna accelerare sul congresso e magari pensare a un cambio di nome al Partito democratico”.

Delle affermazioni davvero clamorose che potrebbero cambiare la politica del nostro Paese. L’affermazione appena citata è stata fatta da uno dei dirigenti del Nazareno. Ma non è l’unico a pensarla così. Infatti in molti fuori e dentro la sede del Partito Democratico considerano il logo nato nel 2007 e quel progetto di partito un’esperienza, ormai finita.

Il Partito di centro sinistra cambia nome e logo? 

La notizia è stata riportata dal noto quotidiano nazionale scrive ‘La Stampa’. Un altro giornale, ‘Il Tempo’, addirittura ha citato sondaggi riservati che circolerebbero nelle chat dei parlamentari con un Partito Democratico alla deriva. Secondo alcuni dati, il partito di centro sinistra sarebbe crollato dal 18 al 12-15%. Quindi servirebbe un nuovo brand: ‘Movimento Democratico europeo’ è il nome che piace di più ai piddini. Quest’idea potrebbe dunque essere testata magari come lista alle elezioni per il rinnovo del parlamento europeo di Bruxelles.

L’idea di cambiare nome al Pd divide i piddini a metà 

Qualcuno, però, è totalmente contrario a questa operazione che sembra solo estetica. Il primo ad essere in disaccordo è Gianni Cuperlo che ha frenato l’iniziativa così:

“Il Partito Democratico deve cambiare tutto tranne il nome”.

Addirittura c’è qualcuno vicino all’ex sindaco di Roma Walter Veltroni che si è spinto a chiedere la costruzione di un nuovo edificio per il Partito Democratico. Mentre Alessia Morani su Facebook ha fatto questa domanda ai suoi fan:

“Cosa ne pensate di un ‘Movimento democratico europeo?”.

Cosa ne penseranno gli altri esponenti politici? Già nelle ultime ore si sollevata un’apra polemica. Gli esponenti del Partito Democratico andranno avanti con la loro idea?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!