“È una prostituta che…” Belen insultata dalla pornostar Valentina Nappi

Parole molto pesanti quelle che pronunciò Valentina Nappi contro Belen Rodriguez. La pornostar non trova coerente la sensualità di Belen

Belen Rodriguez è una delle showgirl più criticate. Qualche mese fa, anche la pornostar Valentina Nappi ebbe da ridire su alcuni sui atteggiamenti.

Nappi contro Belen, le critiche per il suo vedo non vedo

Sembra assurdo che proprio una pornostar possa fare la morale a Belen Rodríguez, eppure la napoletana ha le idee molto chiare sul concetto di sessualità e sensualità. In occasione di conferenza stampa al  Kinodromo, un’associazione culturale a Bologna, la Nappi ha rivelato ciò che realmente pensa dell’argentina.

Belen non sta simpatica a molti, ma un’opinione come quella della Nappi è piuttosto considerevole. L’attrice hard ha confessato di non stimare la showgirl per una serie di motivi molto precisi.

Belen criticata dall’attrice a luci rosse

La Nappi spara a zero su Belen, partendo proprio dal suo essere nel mezzo: con le sue foto, secondo l’attrice, la showgirl resta sul confine tra l’essere una “brava e bella showgirl” ad essere una “bella e bona showgirl”:

“Ha sempre a che fare con la repressione sessuale, se fossimo tutti soddisfatti non saremmo tutti attratti da un paio di tette strette in un push-up. Però dev’essere quasi una fi*a implicita, dev’essere un vedo non vedo, perché io sono pur sempre la moglie di brava famiglia. A me dà molto fastidio mettere me nello stesso calderone di Belen, io ho molta più dignità.”

Ma l’attrice affonda la lama della sua critica ben più dentro:

“Tu che ti metti nuda in un calendario, quando poi vuoi fare la santa. Lei per me è una che vende qualcosa che non darà mai, il nulla. Io invece vendo un discorso che ha a che fare con la mia sessualità in genere, ti vendo un porno, ti masturbi, è esplicito. Si sa che cos’è. Non uso la mia sessualità, il mio essere donna per alludere a qualcos’altro. Quella è la prostituzione.”

Secondo la pornostar, Belen Rodriguez ostenta una sessualità come prodotto implicito psicologicamente.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!