Martina: ‘Governo incapace che fa ridere il mondo e Salvini è solo un bullo che…’

Martina: ‘Governo incapace che fa ridere il mondo e Salvini è solo un bullo che…’

Ieri sera su La7 è andata in onda una nuova puntata di ‘In Onda’ e nel programma è intervenuto Maurizio Martina, il segretario nazionale del Partito democratico. Quest’ultimo si trovava nel porto di Catania vicino alla Guardia Costiera Diciotti con a bordo 177 migranti. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa ha dichiarato.

Martina: ‘Migranti? Non c’è nessuna emergenza, siamo di fronte un Governo di incapaci

Parlando di immigrazione, Maurizio Martina ha iniziato il suo discorso così:

“Non c’è nessuna emergenza, siamo di fronte un Governo di incapaci”.

Secondo il segretario del Pd abbiamo un ministro dell’Interno che, in vece di governare il nostro Paese, fa le dirette Facebook insultando tutto il pianeta. Il piddino ha considerato Matteo Salvini un bullo mentre a Catania ci sono delle vite umane che hanno il diritto di essere aiutate. Martina ha affermato che l’attuale esecutivo sta facendo una politica fallimentare e il leader della Lega Nord invece di intervenire, sta a commentare tutto sui social.

“Siamo all’assurdo del diritto, alla violazione di qualsiasi regola e stiamo facendo ridere il mondo, se non fosse per la tragedia di persone che hanno attraversato il Mediterraneo per salvarsi da guerre”,

ha precisato il segretario del Partito Democratico.

Il segretario del Pd: ‘Salvini è solo un bullo’

Martina, inoltre, ha affermato che Salvini è solo un prestigiatore, sposta l’attenzione di tutti i cittadini italiani su vicende come quella della Diciotti, sulla pelle degli immigrati, e nel frattempo l’opposizione discute di come non sta facendo il Ministro dell’Interno su tante questioni.

“Lui è un bullo e un bullo rimane, si commenta da solo”,

ha concluso Martina.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)