‘Saremmo morti tutti e due’: la drammatica confessione di Costanzo su Maria De Filippi

‘Saremmo morti tutti e due’: la drammatica confessione di Costanzo su Maria De Filippi

Il 2018 è un anno speciale per Maurizio Costanzo perché ha compiuto 80 anni. Un traguardo molto importante per il giornalista romano che da 23 anni condivide la sua vita con Maria De Filippi. E per l’occasione, il conduttore de ‘L’Intervista’ che tornerà in autunno, ha deciso di raccontarsi parlando della regina della televisione italiana.

Costanzo parla dell’attentato subito insieme a Maria De Filippi 

Maurizio Costanzo parlando della De Filippi, ha svelato il motivo per la quale l’ha sposata. Era il 14 maggio del 1993 quando la mafia ha cercato di far saltare in aria l’automobile su cui viaggiavano Costanzo e la sua adorata Maria. Attraverso una lunga e commovente intervista a ‘Di Più’, il magazine di gossip diretto da Sandro Mayer, il giornalista capitolino ha descritto la dinamica dell’attentato.

“In via Fauro a Roma tentarono di far saltare in aria l’auto su cui viaggiavo, con un autobomba che fece alcuni feriti e moltissimi danni e che solo per un caso fortunato non fece dei morti”.

Costanzo, inoltre, ha affermato che l’ordigno è esploso quando l’automobile in cui viaggiava con la futura moglie Maria De Filippi aveva appena girato l’angolo.

“Se fosse esplosa pochi istanti prima saremmo morti tutti e due”,

ha dichiarato il presentatore del ‘Maurizio Costanzo Show’.

Maurizio Costanzo: ‘Ecco perché ho sposato Maria De Filippi’ 

Per la paura provata per l’attentato da parte della mafia, Costanzo prese una decisione molto importante.

“Fu proprio il fatto di aver visto la morte in faccia con lei che mi spinse a chiedere Maria in moglie, perché capii una cosa fondamentale: È lei la persona che voglio che mi tenga la mano quando morirò”.

Una vera e propria dichiarazione d’amore a Maria De Filippi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!