Arrestati i membri dell’Ong. Facilitavano ingresso dei migranti

migranti
Migranti, arrestati tre membri dell'Ong

In Grecia sono stati arrestati tre membri dell’Ong. Il motivo? Permettevano l’ingresso dei migranti senza controlli

Una notizia che arriva direttamente dalla Grecia: ben 3 membri dell’Ong sono stati arrestati con accuse gravi. Pare, infatti, che facilitassero l’ingresso dei migranti.

I membri dell’Ong arrestati

Le Ong sono organizzazioni che dovrebbero tutelare i diritti dei migranti, non aiutarli ad entrare in territori stranieri. In Grecia l’arresto di ben tre membri della Ong ha aperto un mondo: potrebbe esserci una collaborazione tra i membri e migranti.

I tre attivisti dell’Emergency Response Centre International arrestati a Lesbo pare, infatti che sarebbero legati a una rete criminale organizzata, che facilitava sistematicamente l’ingresso illegale di stranieri. I tre membri dell’Ong greca sono stati incriminati perchè sospettati di aver aiutato i migranti ad entrare illegalmente nel Paese.

Tre attivisti arrestati

Li hanno beccati a Lesbo i tre attivisti dell’Emergency Response Centre International (Erci), dove migliaia di immigrati sono ospitati in orribili condizioni in campi profughi più che affollati. L’intrigo è stato messo in evidenza una rete criminale organizzata, che facilitava sistematicamente l’ingresso illegale di stranieri.

I tre attivisti erano in contatto con i migranti via social e che “li hanno assistiti attivamente” nel loro ingresso illegale in Grecia, dal 2015 in poi.  Ma non si limitavano solo a questo. Per seguire i flussi migratori, infatti, gli arrestati monitoravano ovviamente sempre  illegalmente le comunicazioni radio della Guardia costiera greca e dell’Agenzia europea di confine Frontex.

La Polizia ha rivelato che c’era un vero e proprio business dietro questi ingressi che coinvolgeva, in tutto, sei cittadini greci e 24 stranieri. Erci non ha commentato la notizia. La Polizia ha anche reso noto che altri due attivisti della Ong erano stati arrestati a febbraio su una jeep con una targa dell’esercito falsa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!