Auguri a Maurizio Costanzo, simbolo della televisione italiana

Simbolo della televisione

Oggi martedì 28 agosto bisogna fare gli auguri al giornalista Maurizio Costanzo, che rappresenta il simbolo della televisione italiana. Costanzo ha dei meriti importanti, a partire dalla creazione di un talk show di rilievo, che ha fatto la storia. Si tratta del Maurizio Costanzo show che ha visto la presenza di ospiti di grande spicco. Il conduttore festeggerà questo traguardo in compagnia della moglie e degli altri suoi familiari. Ma in diverse interviste ha fatto notare di non amare le feste, dunque passerà questo giorno con gli amici ed i familiari.

Il simbolo della televisione italiana

Maurizio Costanzo ha cominciato la sua carriera lavorativa all’età di diciotto anni: il suo sogno era di diventare un giornalista. Alla fine degli anni cinquanta ha avuto il merito di intervistare per Sorrisi e canzoni un grande attore come Totò. Nelle recenti interviste abbiamo potuto notare il grande legame con la moglie Maria De Filippi, a cui si unisce un momento di malinconia. Queste sono le parole di Costanzo:

“Vorrei andarmene con la mano di Maria nella mia”.

L’importanza del lavoro nella sua vita

Il lavoro rappresenta una costante nella vita del giornalista Maurizio Costanzo che, nonostante i suoi ottant’anni, non ha cambiato i suoi ritmi. Il simbolo della televisione guarda al futuro e cerca di avere nuove idee per creare programmi innovativi. In questi anni, in diverse occasioni ha avuto modo di intervistare il calciatore Francesco Totti. Ha espresso la sua stima nei confronti del capitano della Roma, a causa della difficile situazione creatasi con Spalletti.

La prossima stagione 2018-2019

Intanto si avvicina una nuova stagione televisiva piena di aspettative da parte dei milioni di telespettatori italiani. Maurizio Costanzo dovrebbe tornare al timone del suo storico programma che ha lanciato tra gli altri, Rosario Fiorello. Mentre Maria De Filippi nei prossimi giorni sarà impegnata nelle registrazioni delle sue trasmissioni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!