L’attacco choc di Toscani a Salvini: “Il Duce a Piazzale Loreto, chissà lui…”

Benetton
Oliviero Toscani e gli insulti a Salvini

Oliviero Toscani ha fatto molto parlare di sé per la tragedia del Ponte Morandi, adesso torna all’attacco di Salvini paragonandolo al duce

Non è la prima volta che Oliviero Toscani si scaglia contro Matteo Salvini. Questa volta ha osato paragonarlo ad una figura storica tutt’altro che positiva.

Toscani e le offese a Salvini

Dopo lo scandalo Benetton e Autostrade nessuno sospettava che Salvini venisse di nuovo criticato da Toscani. A quanto pare però, il noto fotografo, non si lascia scalfire e
commenta con parole dure la politica del leader leghista.

Di Maio è stato tra i primi a puntare il dito contro la famiglia che controlla Autostrade e non si è risparmiato su Toscani che gli ha scattato la famosa foto apparsa recentemente su Forbes. Una foto scattata prima del crollo del ponte. Toscani al Corriere, in relazione allo scatto afferma:

“Ma che c’entra, io sono un fotografo indipendente che lavora per varie società. Da quanto esce Forbes in Italia ho fatto io tutte le copertine ad eccezione di due perché ero via. E per 18 anni non ho lavorato per Benetton”.

Il fotografo commenta così l’incontro con Di Maio:

“Una persona molto civile, saluta: “Ciao ciao”. Ci siamo dati del tu. Sono stato con lui due ore, gli ho fatto vedere anche l’ultimo lavoro che ho fatto per i Benetton, quello con i ragazzi nudi. E gli è piaciuto. Mi ha detto: “Interessante”. Ecco ho notato che non ha una grande cultura artistica…”.

Dopo le offese a Di Maio il commento a Salvini

Di Maio, secondo il fotografo, sarebbe abbastanza ignorante. Motivo? Pare che non abbia riconosciuto un quadro di Depero e lo apostrofa così:

” Un ragazzo simpatico, ne avevo tanti compagni di scuola così al liceo: primi della classe, che poi non hanno fatto grandi carriere però…”.

Il commento al vetriolo su Salvini era inevitabile:

“Mio padre ha fotografato Mussolini a piazzale Loreto, chissà dove fotograferò io Salvini”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!