Ponte Morandi, Macron umilia Salvini: “Crolla un ponte e loro…

Salvini
Macron attacca l'Italia sulla tragedia del Ponte Morandi

Francia e Italia, Macron e Salvini continuano a farsi la guerra. Il presidente francese è tornato ad attaccare il governo italiano sulla tragedia del ponte Morandi

Il crollo del ponte Morandi ha fatto parlare tutto il mondo, accusando persino Matteo Salvini o parte del neo Governo. Anche il premier francese Macron ha voluto dire la sua.

Macron, l’attacco a Salvini

Un altro attacco a Salvini e all’Italia in generale. E’ vergognoso eppure la tragedia del Ponte Morandi continua ad essere usata questioni politiche. La Francia ritorna all’attacco contro il nostro paese. Il premier Macron non si risparmia ma in insulti e critiche. Questa volta, ha usato la storia del Ponte Morandi per dimostrare “l’incompetenza” dell’attuale governo.

In un discorso il presidente francese insulta i “i populisti” e i “nazionalisti” che a suo dire attaccano l’Europa. L’inquilino dell’Eliseo ha detto:

“Un ponte crolla ed è colpa dell’Europa. Al termine di tre giorni in Nord Europa per me la scelta è semplice. Ci sono coloro che hanno la volontà di prendere l’Europa in ostaggio e di dire che tutti i problemi provengono dall’Europa. Un ponte crolla, è colpa dell’Europa! La demografia galoppante in Africa, è l’Europa! Non sono altro che coloro che chiamiamo populisti, sono i demagoghi nazionalisti”.

Macron si è vestito da paladino dell’Europa e usa questi argomenti per la campagna Europea del 2019 che potrebbe vedere la sua sconfitta.

L’attacco di Macron

Non è un attacco diretto a Salvini, ma alla sua politica e al fatto che si preferisce dare attenzione ad altri temi e incolpare l’organo Europa. Il presidente continua:

“Costoro dimenticano ciò che l’Europa ci ha dato da 70 anni a questa parte e vogliono una cosa: la divisione, il ripiego nazionalista, dietro ogni piccola che ci divide”.

Parigi e Roma ormai sono l’una contro l’altra come anni addietro. Dopo l’incontro tra Salvini e Orban, l’Italia si distanzia da alcune direttive europee di fatto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!