Commissario di Polizia aggredito a sangue da immigranti, l’ira di Salvini: “Devono…

Salvini
Commissario aggredito, il post polemico di Salvini

Un nuovo caso di cronaca ha sconvolto Matteo Salvini. Un gruppo di immigranti ha aggredito il commissario di Polizia Nuccio Garozzo

“Tutta la sua solidarietà”, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha subito chiarito come la pensa sul caso che ha interessato il commissario di polizia aggredito nella sua abitazione.

Salvini, la solidarietà al commissario aggredito

Un post che ha subito avuto una pioggia di like, commenti e condivisioni quello di Salvini sul caso che ha interessato Nuccio Garozzo, commissario di Polizia a Catania. L’uomo, secondo quanto raccontato sulla pagina FaceBook di Matteo Salvini, sarebbe stato aggredito da un gruppo di immigrati, uno dei quali di origini ghanesi.

La cosa che ha lasciato di stucco il Ministro è il fatto che proprio il ghanese era in Italia per “motivi umanitari”. Insomma, una condotta davvero deplorevole che meriterebbe l’espulsione. Di certo la violenza non dev’essere mai accettata.

Il post di Salvini sui social

Appena ha saputo dell’aggressione Salvini ha commentato con parole dure quanto accaduto, promettendo manovre serie contro chi ha commesso il reato. Sul suo seguitissimo profilo social scrive:

Siamo alla FOLLIA.
A Catania, il commissario di Polizia Nuccio Garozzo è stato aggredito A SANGUE in casa propria da una banda di immigrati, uno dei quali è un ghanese in Italia per “motivi umanitari”. Tutta la mia solidarietà al commissario, che ho appena sentito al telefono e che dovrà convivere con 80 punti di sutura.

Poi il vicepremier leghista lancia delle frecciatina a chi crede che lui sia troppo dura sulla questione migranti:

Per questo presunto profugo invece nessuno sconto, espulsione IMMEDIATA. Con il #DecretoSicurezza qualsiasi richiedente asilo che commette un reato in Italia verrà cacciato dal nostro Paese, senza eccezioni.
Chi ci porta la guerra in casa NON è il benvenuto.

Infine non può mancare un pensiero sulla legittima difesa e sulla possibilità di usare le armi per tutelare la propria incolumità:

P.s. Se si fosse anche difeso, il poliziotto ora sarebbe indagato. Una legge GIUSTA sulla legittima difesa che tuteli gli aggrediti e non gli aggressori è una delle nostre priorità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!