L’uomo senza sonno esiste e si chiama Thai Ngoc non dorme da 40 anni

"L'uomo senza sonno"

Si chiama Thai Ngoc il contadino vietnamita che non dorme da quarant’anni. La sua vita cambiò in seguito ad una febbre misteriosa, eppure le innumerevoli analisi mediche  cui l’uomo si è sottoposto risultano regolari…

“L’uomo senza sonno”

“L’uomo senza sonno” è il titolo di un film thriller/drammatico diretto da Brad Anderson, nel 2014. Christian Bale, il protagonista, non riesce a chiudere occhio e le ripercussioni sul suo fisico non passeranno di certo inosservate… Ma questa è la trama di un film. Il signor Thai Ngoc, un contadino vietnamita settantenne, non dormirebbe dalla bellezza di quarant’anni! Nel 1973, all’età di trentuno anni, l’uomo si ammaló di una febbre misteriosa e poi la sua vita cambiò radicalmente: per lui non ci fu più il sonno rigenerante della notte.

L’importanza di un sano riposo

Sette/otto sono le ore di sonno notturno che ci consiglia di norma il nostro medico. Durante il sonno il nostro cervello ha la possibilità di ricaricarsi, spazzando via i detriti e le scorie sinaptiche della giornata. Un corretto riposo quotidiano ci permette di prevenire malattie degenerative del sistema nervoso e poi, diciamocelo, subito dopo una bella dormita, ci sentiamo energici, rigenerati e pronti ad affrontare gli ostacoli della nostra giornata.

I microsonni permettono a Ngoc di sopravvivere

Dopo tutti questi anni il signor Thai Ngoc non avrà più ben presente l’effetto rigenerante di un riposo notturno… Eppure il contadino vietnamita continua a lavorare nella sua fattoria di Quang Nam, senza chiudere occhio!

L’uomo si è sottoposto a svariate analisi mediche, ma è sempre risultato sano come un pesce (a parte un piccolo problema al fegato e una lieve e del tutto trascurabile anomalia dell’emisfero destro del suo cervello). Se riesce a reggersi ancora in piedi è grazie a dei microsonni: impercettibili riposi di pochi minuti/secondi. Insomma, Thai Ngoc è vivo grazie a dei black out. Certo che non sarebbe male poter vivere senza il bisogno di dormire! E voi, che cosa ne pensate?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!