In Italia apre il primo bordello con bambole: ecco in quale città e come funziona (Video)

In Italia apre il primo bordello con bambole: ecco in quale città e come funziona

Ancora non ha aperto i battenti e già è tutto esaurito. Stiamo parlando del bordello delle bambole robot che lunedì prossimo aprirà a Torino. Tutti i soci della ‘LumiDolls’ hanno reso noto che le loro attività nel capoluogo piemontese è satura fino alla metà di ottobre 2018. Quindi ben 45 giorni di prenotazioni esaurite, visto che il nastro d’apertura è previsto per il 3 settembre.

A Torino apre il primo bordello per bambole robot in Italia

Nel bordello per bambole di Torino sono giunte centinaia di telefonate e e-mail per riservare i posti. Le persone interessate non sono solo uomini, ma anche donne e coppie. Nel locale di Mirafiori può entrare solo una clientela che corrisponda all’età anagrafica 25-65 anni.

A quanto pare alcune prenotazioni hanno una durata di quattro e otto ore. Ma i costi del bordello sono molto esosi. Infatti mezz’ora all’interno del locale costa 80 euro, 100 euro per un’ora e 180 euro per 120 minuti. Inoltre può scattare una penale di 50 euro se vengono danneggiate le bambole robot. Oggetto che viene restituito al cliente se quest’ultimo non subisce danni.

I clienti del bordello per bambole arrivano da tutta Italia

Secondo le prime indiscrezioni, i clienti che hanno prenotato al bordello per bambole non sono solamente di Torino e dintorni. Oltre dal Piemonte, ci sono persone che arriveranno anche dal Veneto, Lombardia e Liguria. Per questo motivo, i gestori hanno già in mente di aprire altri locali del genere sparsi in tutta la Regione. Un’iniziativa abbastanza particolare che ha suscitato la curiosità di molti. Ma nello stesso tempo sono nate delle aspre critiche sia in città che sul web. Da ora in poi, Torino sarà meta di turismo anche per provare i bordelli delle bambole robot.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!