Laura Boldrini, nuovo partito dal nome imbarazzante, il commento di Salvini diventa virale

Laura Boldrini
Nome nuovo partito Laura Boldrini

La Boldrini lancia un nuovo partito. L’acronimo sta già facendo ridere il web intero. Ecco come si chiamerà

L’ex presidente della Camera Laura Boldrini forse non avrà notato che il nome del suo partito è altamente imbarazzante, o meglio l’acronimo.

Laura Boldrini, imbarazzo per il nome del partito

Laura Boldrini torna a far parlare di sè per il lancio di una nuova lista, la “Lista Unitaria Europea“. Peccato che l’acronimo sia “lue“, che significa “peste” e “sifilide“. Se comunque si voleva sorvolare sul particolare imbarazzante, comunque non è andata benissimo per la sua lista. Alle elezioni è finita piuttosto male, ma almeno “Liberi e Uguali” non aveva la stessa imbarazzante sigla.

Un nome, quello della nuova lista che può rivelarsi un vero e proprio autogol. L’obiettivo è quello di dare un nuovo volto al Pd: Possibile, Leu, Articolo Uno e compagnia varia “temi importanti” con cui:

“ricominciare a costruire qualcosa di contemporaneo e capace di attrarre giovani”.

L’idea della Boldrini

La Boldrini ha le idee piuttosto chiare. E’ necessario un nuovo movimento che appunto potrebbe chiamarsi “Lista Unitaria Europea”. Lo ha scritto lei stessa in un tweet:

“se per sfidare la destra, i partiti progressisti rinunciassero ai propri simboli per dare vita a una lista unitaria nel segno dell’apertura e dell’innovazione”.

L’hashtag era accompagnato da quelle tre parole, scritte tutte con la lettera maiuscola:“Lista Unitaria Europea”.  Un nuovo volto per il PD. La Treccani, però spiega che il termine deriva dal latino lues, che significa “morbo, pestilenza, epidemia, contagio”.

Comunemente, potremmo associare il termine alla sifilide, una delle malattie che si trasmette sessualmente. Ma si può usare anche con un altro significato: “peste”, “calamità pubblica” e “sventura”.

Non poteva mancare un commento del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, intriso di ironia:

“Promette bene”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!