Enrico Lucci demolisce il Pd: ‘Salvini non è un genio, ma la sinistra non ha capito un caz*o di…’

Enrico Lucci demolisce il Pd: ‘Salvini non è un genio, ma la sinistra non ha capito un caz*o di…’

Alcune ore fa l’ex iena Enrico Lucci ha rilasciato un’intervista esclusiva e ‘Vanity Fair Italia’. Il giornalista ha presentato in anteprima il suo nuovo programma ‘Realiti Sciò’ in onda su Rai Due da lunedì 10 settembre. Oltre a parlare dei suoi prossimi progetti lavorativi, Enrico Lucci ha deciso di affrontare quello che sta accadendo in Italia dal punto di vista politico. Quindi ha menzionato la sinistra e il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Salvini ha detto che governerà per trent’anni, ma con la sinistra che abbiamo in Italia, ho il sospetto che possa governare per trenta secoli”,

è questa la profezia dell’ex iena Enrico Lucci. Il comunista convinto, inoltre, ha affermato che con lo sbarco di migliaia di disperati nelle nostre coste, ha creato una vera e propria guerra tra poveri.

I reietti che credevano nella sinistra non si sono sentiti difesi e per questo si sono rivolti a chi promette di difenderli. Salvini l’ha capito, ha capito come si comunica, tant’è che un suo tweet vale più di 700 discorsi di Bersani”,

ha dichiarato il conduttore di ‘Nemo’, il programma trasmesso sulla seconda rete Rai.

Ma le dichiarazioni di Enrico Lucci al magazine ‘Vanity Fair Italia’ non sono terminate qui. Il giornalista e presentatore ha affermato che il vicepremier Salvini compreso come usare i mezzi per comunicare, la sinistra, invece, su questo tema è arrivata sempre in ritardo. Per lui quelli del Pd hanno scoperto che esisteva la televisione solo quando Silvio Berlusconi aveva già creato un impero.

“Bisogna avere le palle di dire che un italiano, in attesa della Casa Popolare da 15 anni, ha più diritti di una persona in arrivo dal Ghana”,

ha detto Enrico Lucci. Infine ha affermato che la sinistra non ha nemmeno avuto le palle di mandare le navi militari in Siria e salvare coloro che stavano scappando da guerre.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!