Il profumo ha origini antichissime

Il profumo: una tra le idee regalo più gettonate. Ne esistono diverse tipologie: dal parfum all’eau de parfum, dall’eau de toilette all’eau de Cologne fino all’eau fraiche. Le pubblicità televisive sono sempre pronte a sponsorizzare la nuova fragranza del momento, ma il profumo ha origini molto antiche…

Origini del profumo

La parola “profumo” deriva dal Latino “per fumum“, ossia: attraverso il fumo. Le popolazioni antiche avevano l’abitudine di bruciare oli e aromi a fini sacri. Gli antichi Egizi si servivano di profumi per rituali religiosi e per lo stesso culto dell’imbalsamazione. Pistacchio, menta, cannella, ginepro e mirra erano gli ingredienti principali delle prime fragranze.

Dallo stesso testo sacro del Vangelo emerge il ruolo importante del profumo: l’incenso offerto a Dio e la mirra quale aroma funerario. Gli antichi Romani, dapprima, considerarono i profumi e il culto del corpo come delle frivolezze; ma con il tempo si lasciarono influenzare dallo stile di vita dei Greci, veri cultori delle essenze e degli oli.

Diverse tipologie di profumo

Esistono diverse tipologie di profumo. Il parfum è sicuramente quella più costosa, con il 20-40% di concentrazione e con la più lunga durata una volta nebulizzato sulla pelle. L’ eau de parfum ha una concentrazione del 10-30%, una durata più breve ed è possibile un uso quotidiano di questo prodotto. L’eau de toilette ha una concentrazione del 5-20% ed è ideale per i mesi estivi. L’eau de Cologne, invece, risulta una tra le fragranze più economiche per la sua alta concentrazione alcolica. L’eau fraiche ha una concentrazione dell’1-3% e, chiaramente, risulta molto diluito.

Le funzioni del profumo

Il profumo, fin dai tempi antichi, ha rivestito un ruolo importante nei rituali sacri; ma resta a tutt’oggi un’arma di seduzione. Non è da trascurare l’utilizzo del profumo nell’aromaterapia e il generale benessere che una buona fragranza può produrre. Il profumo, inoltre, può ricordarci luoghi, situazioni del nostro passato e persone con le quali siamo entrati in contatto

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!