Diciotti, minacce di morte per il Procuratore Patronaggio che ha indagato su Salvini

Minacce di morte per il Procuratore Patronaggio

Una busta contenente un proiettile e una lettera minatoria è stata recapitata al Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio. Nelle ultime settimane si è molto parlato di lui per la vicenda della Guardia Costiera Diciotti. La nave, infatti, è stata ferma per dieci giorni nel porto di Catania. All’interno c’erano più di 170 persone rimaste bloccate per decisione dell’attuale esecutivo. Anzi, per esattezza per volere del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Il Procuratore di Agrigento e la sua indagine su Matteo Salvini

Quindi il Procuratore Luigi Patronaggio ha scritto sul registro degli indagati il vicepremier leghista. A suo carico ci sono i seguenti reati: sequestro di persona, sequestro di persona a scopo di coalizione. Ma anche di omissioni di atti d’ufficio, arresto illegale e infine abuso d’ufficio. Naturalmente Matteo Salvini non ha reagito bene alla decisione del Procuratore, anche se ora il suo fascicolo si trova nella Procura di Palermo.

Il leader della Lega non è stato a guardare. Per il ministro è vergognoso che una carica dello Stato venga indagata solo perché ha fatto il proprio diritto difendendo i confini italiani.

Luigi Patronaggio ha ricevuto una lettera con un proiettile dentro

La Procura di Caltanissetta ha già aperto un fascicolo per la minaccia di morte ricevuta dal Procuratore Luigi Patronaggio. Immediatamente è arrivato un gesto di solidarietà da parte dell’attuale ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Attraverso Twitter, il parlamentare ha scritto un messaggio verso colui che ha indagato Salvini.

“Massima solidarietà al procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, da parte di tutto il ministero per le minacce ricevute”.

In più, Bonafede ha aggiunta anche la seguente frase:

“Chiederei agli esponenti politici, almeno in questi casi, di evitare strumentalizzazioni”.

In tutto questo, cosa ne penserà il ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla minaccia di morte al Procuratore Patronaggio?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!