Weinstein di nuovo nei guai: ecco il video dove il produttore flirta con un’accusatrice

Weinstein di nuovo nei guai

Spunta un nuovo video in cui Weinstein flirta con una 28enne 

Il produttore cinematografico americano Harvey Weinstein torna a far parlare di sé. Alcune ore fa è stato diffuso in rete un nuovo video in cui è intento a fare delle avance ad una ragazza durante un colloquio di lavoro.

“Posso flirtare con te?”,

è questo quello che il produttore nel 2011 ha chiesto Melissa Thompson.

“Ummm, vedremo, sì un po’”,

ha risposto la 28enne imprenditrice.

La riunione tra il produttore cinematografico e la Thompson 

Durante la riunione Weinstein ha chiuso la porta della stanza e senza giri di parole ha chiesto alla Thompson se poteva provarci con lei. La ragazza decide di sedersi accanto a lui però registrerà tutto quello che si sono detti nell’incontro. Il tutto è avvenuto sette anni fa a New York. La conversazione passa immediatamente ad un tono personale e quando la 28enne dice a Weinstein che i dati sono abbastanza sexy, il produttore cinematografico ha risposto così:

“Si, tu sei sexy”.

Poi la ragazza ha dichiarato che l’uomo le ha allungato la mano sopra la sua gamba e le ha fatto questa richiesta:

“Fammi avere una piccola parte di te. Puoi darmela?”.

La Thompson abbastanza imbarazzata ha cercato di placare gli animi di Harvey.

Weinstein avrebbe stuprato la 28enne 

Successivamente Weinstein ha accettato di utilizzare il servizio offerto dalla 28enne dandole un nuovo appuntamento nel ristorante del Tribeca Grand Hotel. Lì secondo il racconto della Thompson, il produttore non l’avrebbe portata nella sala conferenze, bensì nella sua camera e poi stuprata.

“Se avessi provato ad allontanarmi da lui, mi avrebbe bloccata comunque. Mi sentivo costantemente intrappolata, non importa dove mi girassi. Mi ha messo all’angolo, ripetutamente”,

ha confessato la donna. Secondo il legale di Weinstein questo sarebbe un nuovo tentativo per infangare la figura del suo assistito. Ecco il video in questione:

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!