Prosciutto d’anguria, la nuova mania degli newyorkesi: ecco quanto costa a fetta

Prosciutto d’anguria

A New York spopola un nuovo piatto: il prosciutto d’anguria 

Negli ultimi tempi a New York sta spopolando un piatto davvero particolare: il prosciutto di anguria. A guardare l’aspetto e il colore sembra davvero una pietanza abbastanza gustosa. Quest’ultima, però, non sembra accessibile a tutti, infatti una singola fetta costa diversi dollari. Andiamo a vedere nello specifico come si prepara questo prosciutto.

Come viene preparato questo piatto?

Come accennato nel paragrafo precedente, i newyorkesi sono pazzi per un piatto di tendenza. Il prosciutto d’anguria si presenta rosso fuoco al suo interno e abbrustolito alla superficie esterna. Quindi viene tagliato davanti ai clienti e fatto a fette come un ventaglio.

All’apparenza sembra un ‘roast-beef’ oppure un prosciutto affumicato, ma in realtà è solo cocomero. Quest’ultimo viene fatto essiccare, successivamente viene essiccato e poi saltato in padella calda. A quel punto viene portato in sala e affettato come un normale salume. Resta il fatto che nel ristorante di New York ‘Duck’s Eathery’, all’Est Village, è diventato la pietanza del momento.

Prosciutto d’anguria: ecco chi l’ha inventato e quanto costa

Il prosciutto di cocomero è stato inventato dallo chef statunitense Will Horowitz e per gustarlo bisogna fare la fila. Infatti centinaia di persone al giorno sono impazienti di assaggiare questa nuova e stravagante leccornia. Le prenotazione sono tutte occupate fino al mese di novembre 2018. Inoltre la prenotazione al massimo dura solo cinque giorni.

C’è un altro particolare importante, però, il prezzo dell’anguria. Se volete mangiarla costa ben 75 dollari a fetta. Prezzo esagerato oppure per una volta si può fare uno strappo? Il prodotto in questione negli Usa viene chiamato ‘watermelon steak’. Questa nuova moda arriverà presto anche nel nostro Paese? In Italia abbiamo diverse leccornie, quindi dubito che anche qui l’anguria ottenga lo stesso successo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!